Secondo round pro Governo

06 Feb 2015
Post2PDF Versione PDF

unbalanced
Articolo aggiornato dopo la pubblicazione iniziale il 9 Febbraio

Leggi la sentenza del Consiglio di Stato sul caso OGM e Fidenato

Anche il Consiglio di stato decreta contro il ricorso di Fidenato (dopo che il decreto dei tre ministri è scaduto). La partita si sposta ora nella sede istituzionale che aveva bisogno che la giustizia nazionale concludesse il suo iter: staremo a vedere come va a finire la partita. Vi ricordo che il decreto poggiava sulle preoccupazioni su PROBABILI, POSSIBILI effetti indesiderati sui passitoidi non-target di ostrinia nubialis. Il link alla sentenza e’ questo, ma c’e’ bisogno di essere un avvocato per accedere e quindi speriamo a breve di poterla leggere:
https://www.giustizia-amministrativa.it/cdsavvocati/faces/elencoProvvedimentiCollegiali.jsp?_adf.ctrl-state=1b5qe12h6e_14

http://www.lastampa.it/2015/02/06/italia/cronache/coltivazioni-ogm-in-italia-resta-il-divieto-lHTIM2CvDTvqC6ka6GGN6I/pagina.html
http://www.ilmessaggero.it/PRIMOPIANO/CRONACA/ogm_consiglio_stato_respinge_ricorso_resta_divieto/notizie/1165693.shtml

Ogm, Stop del Consiglio di Stato al ricorso di Fidenato
Ogm, Stop del Consiglio di Stato al ricorso di Fidenato (ilVelino/AGV NEWS) Roma, 06 FEB - Dopo il Tar anche il Consiglio di Stato rigetta le motivazioni del ricorso del coltivatore Fidenato che aveva utilizzato sementi geneticamente modificate in Friuli Venezia Giulia. “Siamo soddisfatti della decisione del Consiglio di Stato - ha dichiarato il presidente di Legambiente Vittorio Cogliati Dezza -. Si tratta di uno stop deciso alle mire del Sig. Fidenato che non potra’ piu’ procedere alle semine biotech e di un ulteriore passo verso un’Italia Ogm free. Obiettivo necessario all’economia e alla societa’ del Belpaese e facilmente raggiungibile con gli opportuni strumenti normativi, tra cui la pubblicazione dell’annunciato decreto firmato il 23 gennaio dai ministri della salute Beatrice Lorenzin, delle politiche agricole Maurizio Martina e dell’ambiente Gianluca Galletti, che proroga per altri 18 mesi il divieto di coltivazione di mais Ogm MON810 sul territorio italiano, in attesa dell’entrata in vigore della nuova direttiva Ue in materia di Ogm”. (com/mal) 155606 FEB 15 NNNN

OGM. LEGAMBIENTE: CONSIGLIO STATO DICE NO A RICORSO FIDENATO
GRAN BELLA NOTIZIA. ORA DECRETO MINISTERIALE ANNUNCIATO (DIRE) Roma, 6 feb. - Dopo il Tar anche il Consiglio di Stato rigetta le motivazioni del ricorso del coltivatore Fidenato che aveva utilizzato sementi geneticamente modificate in Friuli Venezia Giulia. “Siamo soddisfatti della decisione del Consiglio di Stato. Si tratta di uno stop deciso alle mire di Fidenato che non potra’ piu’ procedere alle semine biotech e di un ulteriore passo verso un’Italia Ogm free”. Lo dichiara il presidente di Legambiente, Vittorio Cogliati Dezza. Un’Italia Ogm-free e’ un “obiettivo necessario all’economia e alla societa’ del Belpaese e facilmente raggiungibile con gli opportuni strumenti normativi, tra cui la pubblicazione dell’annunciato decreto firmato il 23 gennaio dai ministri della salute Beatrice Lorenzin, delle politiche agricole Maurizio Martina e dell’ambiente Gianluca Galletti, che proroga per altri 18 mesi il divieto di coltivazione di mais Ogm MON810 sul territorio italiano, in attesa dell’entrata in vigore della nuova direttiva Ue in materia di Ogm”, conclude Legambiente. (Com/Set/ Dire) 15:54 06-02-15 NNNN

OGM: GREENPEACE, BENE CONSIGLIO DI STATO SU CONFERMA DIVIETO
Roma, 6 feb. - (AdnKronos) - Greenpeace esprime soddisfazione per la decisione presa oggi dal Consiglio di Stato che rigetta l’ennesimo ricorso presentato contro il decreto che vieta la coltivazione in Italia del mais Ogm Mon810. “Questa sentenza conferma ancora una volta la validità del decreto recentemente prorogato e della corretta applicazione del principio di precauzione a salvaguardia di agricoltura e ambiente, contro i rischi legati al rilascio in ambiente di colture Ogm. L’Italia si conferma nuovamente Paese libero da Ogm”, dichiara Federica Ferrario, responsabile campagna Agricoltura sostenibile di Greenpeace Italia. (Mst/AdnKronos) 06-FEB-15 16:15 NNNN

Ogm: Olivero (Pd), ok principio di precauzione
(ANSA) - ROMA, 6 FEB - “L’ennesimo ricorso presentato contro il decreto che vieta la coltivazione in Italia del mais Ogm Mon810 è stato respinto dal Consiglio di Stato, un’ulteriore convalida che l’applicazione del principio di precauzione va nella direzione giusta per la salvaguardia del nostro patrimonio agroalimentare”. Lo afferma Nicodemo Oliverio, capogruppo Pd in commissione Agricoltura alla Camera. “L’Italia sta cambiando verso, il paese ha assolutamente bisogno di una strategia che coniughi mercato ambiente e salute pubblica e questo governo e questa maggioranza con le proprie scelte sta dimostrando di volerlo e poterlo fare”, conclude. (ANSA). FLB 06-FEB-15 16:57 NNNN
Presentato da agricoltore che aveva seminato mais transgenico (ANSA) - TRIESTE, 6 FEB - La decisione del Consiglio di Stato è stata depositata oggi. Lo scorso 23 gennaio il Governo aveva in ogni caso prorogato il divieto di coltivazione per altri 18 mesi con un nuovo decreto. La Commissione europea sta intanto lavorando per rivedere, entro la fine di aprile, il futuro processo decisionale sugli Ogm nell’Unione europea. La sentenza del Consiglio di Stato ha ricordato che in attesa dell’adozione delle misure comunitarie, “lo Stato membro può decidere se e per quanto tempo mantenere in vigore le misure d’emergenza nazionali adottate”. Ancora, il Giudice riconosce che i Ministeri della Salute, dell’Agricoltura e dell’Ambiente hanno “correttamente ritenuto che il mantenimento della coltura del mais Mon 810 senza adeguate misure di gestione non tutelasse a sufficienza l’ambiente e la biodiversità, così da imporre l’adozione della misura di emergenza contestata”. Il ricorso era stato presentato dall’agricoltore friulano Giorgio Fidenato - leader di Agricoltori Federati, favorevoli agli Ogm - che più volte aveva tentato di seminare mais transgenico nel proprio campo sfidando il governo e la Regione Friuli Venezia Giulia, per poi impugnare il decreto del Governo che vieta la coltura del mais geneticamente modificato in Italia. (ANSA). KAC 06-FEB-15 16:57 NNNN

Ogm: Fidenato, solo la Corte di Giustizia europea mi tutela
(v. ‘Ogm: Consiglio Stato respinge…’ delle 16.25 circa) (ANSA) - PORDENONE, 6 FEB - “Non nutrivo grandi speranze nel Consiglio di Stato, come del resto in ogni situazione in cui ad esprimersi è un Tribunale italiano, visto che siamo il Paese della disapplicazione dei trattati europei”. Lo ha affermato l’agricoltore Giorgio Fidenato, commentando il rigetto del proprio ricorso nella discussa vertenza sull’utilizzo di sementi Ogm. “Come sempre ho fatto in passato - ha aggiunto il leader di Agricoltori Federati -, mi rivolgerò alla Corte di Giustizia Europea, l’unica che ha riconosciuto la bontà delle nostre istanze e del nostro operato”. “Questa sentenza - ha concluso il paladino delle battaglie proOgm - mi fa riflettere ancora una volta su un’altra delle circostanze tutte italiane: i giudici, a prescindere dal caso specifico e odierno, non pagano mai per eventuali errori. Probabilmente, se fosse introdotta una norma ad hoc, pronunciamenti che vanno in netto contrasto con la legge comunitaria, che è sovrana in questa materia, sarebbero meno frequenti”. (ANSA). YT8-KAC 06-FEB-15 16:59 NNNN

Ogm: Zaccagnini,no ricorso Fidenato è tappa per Italia free
(V. “Ogm: Consiglio Stato respinge ricorso…” delle 16:38) (ANSA) - ROMA, 6 FEB - “Oggi col rigetto del ricorso di Fidenato da parte del Consiglio di Stato, riguardo l’utilizzo di sementi Ogm in Friuli, si segna un’altra tappa verso un’Italia Ogm free. Attendiamo ora a breve dal governo l’ufficializzazione della proroga del decreto per il divieto di coltivazione del mais Ogm Mon810″. Lo afferma Adriano Zaccagnini, vicepresidente commissione Agricoltura Camera dei deputati. (ANSA). FTM 06-FEB-15 17:12 NNNN

Ogm: Consiglio di Stato, resta divieto
(AGI) - Roma, 6 feb. - Il Consiglio di Stato ha rigettato il ricorso presentato da Giorgio Fidenato, imprenditore agricolo friulano, relativo alla possibilita’ di seminare mais ogm. Fidenato aveva impugnato davanti ai giudici amministrativi il decreto ministeriale con il quale nel 2013 era stata vietata tale coltivazione. Palazzo Spada ha confermato la decisione del Tar del Lazio. (AGI) Rmx/Pgi (Segue) 061657 FEB 15 NNNN
(AGI) - Roma, 6 feb. - Secondo il Consiglio di Stato e’ da respingere il ricorso di Giorgio Fidenato, dando cosi’ ragione ai ministeri competenti che hanno ritenuto “correttamente” che, “non prevedendo l’autorizzazione 98/294/CE alcuna misura di gestione, e non avendo la Commissione ritenuto di intervenire per imporne l’attuazione, ai sensi dell’art. 53 del regolamento n. 178/2002, il mantenimento della coltura del mais MON 810 senza adeguate misure di gestione non tutelasse a sufficienza l’ambiente e la biodiversita’. Cosi’ da imporre l’adozione della misura di emergenza contestata dall’appellante”. (AGI) Rmx/Pgi 061712 FEB 15 NNNN

Leggi sentenza Consiglio di Stato

8 commenti al post: “Secondo round pro Governo”

  1. roberto defezNo Gravatar scrive:

    Continuano, questo è l’esercito dei Golia tutti uniti insieme contro un unico Davide:

    OGM. SLOW FOOD: BENE CONSIGLIO DI STATO, PROMUOVE MODELLO SANO

    ORA EVIDENZIARE IN ETICHETTA LE FILIERE COMPLETAMENTE OGM FREE (DIRE) Roma, 6 feb. - Dopo la sentenza del Tar, anche il Consiglio di Stato respinge il ricorso di Giorgio Fidenato alla coltivazione di mais geneticamente modificato. “La sentenza del Consiglio di Stato, oltre a riconoscere l’importanza del divieto di coltivazione del mais Mon810, ci incoraggia a promuovere un modello di agricoltura fondato sulla tutela della biodiversita’ e delle produzioni identitarie che rischierebbe di essere seriamente compromesso dall’introduzione di colture OGM”, commenta Gaetano Pascale, presidente di Slow Food Italia. “Ora ci batteremo per riuscire a evidenziare in etichetta le filiere completamente OGM free. Conclude Pascale- garantendo cosi’ ai consumatori di scegliere il loro cibo in totale trasparenza e tutelando anche il lavoro di quegli agricoltori rispettosi della natura e delle sue regole”. (Com/Ran/Dire) 18:59 06-02-15 NNNN

    OGM. DE GIROLAMO (AP-NCD): SENTENZA CONFERMA CHE DIVIETO GIUSTO
    UNA VITTORIA PER L’INTERO SETTORE AGRICOLO (DIRE) Roma, 6 feb. - “Il no agli Ogm confermato oggi dal Consiglio di Stato e’ una vittoria per l’intero settore agricolo e per tutti quei produttori che fanno della qualita’ il loro fiore all’occhiello”. Cosi la capogruppo di Area Popolare, Nunzia De Girolamo, commenta la sentenza che ha rigettato il ricorso presentato da Fidenato contro il decreto che vieta la coltivazione in Italia del mais Ogm Mon810. “Gia’ da ministro per le Politiche agricole mi ero espressa in piu’ occasioni contro le coltivazioniOgm, firmando un decreto per il divieto della coltivazione del Mais Mon810: obiettivo tutelare la specificita’ del nostro modello agricolo, la qualita’ dei nostri prodotti alimentari e la biodiversita’ della nostra agricoltura. La decisione di oggi- conclude De Girolamo- e’ la dimostrazione che quella intrapresa era, ed e’ la battaglia giusta. La difesa del made in italy e’ la bandiera che non dobbiamo mai ammainare”. (Com/Ran/Dire) 18:58 06-02-15 NNNN

    OGM:REALACCI”BENE CONSIGLIO STATO SU CONFERMA DIVIETO COLTIVAZIONE MAIS”
    ROMA (ITALPRESS) - “Oggi il Consiglio di Stato ha emesso una sentenza positiva che mette la parola fine su un lungo contenzioso. E’ stato respinto il ricorso dell’imprenditore agricolo Giorgio Fidenato, che aveva impugnato il decreto del Governo che vieta la coltura del mais geneticamente modificato in Italia. Grazie alle recenti decisioni europee, il nostro Paese ha i margini per rendere definitivo il bando delle coltivazioni geneticamente modificate sul nostro territorio nazionale. Al di la’ di motivazioni di carattere ambientale e sanitario, e’ la scelta giusta per tutelare la qualita’ e il futuro delle nostra agricoltura e della nostra economia. Come si ricorda anche nel dossier ‘L’Italia in 10 selfie’ di Symbola che domani sara’ presentato a Le Idee di Expo, infatti, la nostra agricoltura e’ un settore da guinnes cresciuto nel segno della qualita’: siamo il Paese piu’ forte sul pianeta per prodotti ‘distintivi’, con 269 prodotti Dop, Igp e Stg a cui si aggiungono 4.816 specialita’ tradizionali regionali e, nonostante la contraffazione e la concorrenza sleale dell’Italian sounding, siamo sul podio nel commercio mondiale per ben 77 prodotti agroalimentari. Tra i primati dell’agricoltura made in Italy ci sono anche gli oltre un milione di ettari condotti con metodo biologico e un export che nel 2013 ha fatto segnare il record di 33 miliardi di euro”, cosi’ Ermete Realacci, presidente della Commissione Ambiente Territorio e Lavori Pubblici della Camera, plaude alla sentenza del Consiglio di Stato che ha rigettato il l’ennesimo ricorso presentato da Fidenato contro il decreto che vieta la coltivazione in Italia del mais Ogm Mon810. (ITALPRESS). mgg/com 06-Feb-15 19:01 NNNN

    FVG: OGM, BOLZONELLO “SENTENZA CONFERMA CHE REGIONE HA AGITO BENE”
    UDINE (ITALPRESS) - “Questa sentenza conferma che la Regione Friuli Venezia Giulia ha agito bene, quando per prima e da sola ha dovuto far fronte alle semine di mais transgenico”. Lo ha affermato il vicepresidente della Regione e assessore all’Agricoltura Friuli Venezia Giulia Sergio Bolzonello, commentando la decisione del Consiglio di Stato che rigetta il ricorso contro il decreto che vieta la coltura del mais Mon 810 in Italia. “Non siamo mai stati mossi da pregiudizio ideologico - ha precisato Bolzonello - ma solo dalla convinzione che il nostro territorio non avrebbe potuto tollerare la coltivazione di Ogm senza intaccare l’autenticita’ e la tipicita’ dei prodotti locali, che sono una nostra grande ricchezza”. “Rileviamo con soddisfazione che il tempo e autorevoli istituzioni stanno dando ragione alla nostra scelta e confidiamo che alla fine anche la Commissione europea si pronuncera’ in sintonia - ha concluso - con la nostra legislazione regionale e nazionale”. (ITALPRESS). mgg/com 06-Feb-15 19:08 NNNN

    OGM: CAON “BENE CONSIGLIO STATO, GUARDIA RESTI ALTA”
    ROMA (ITALPRESS) - “Gli ogm sarebbero una pistola puntata contro il nostro agroalimentare, bene ha fatto il consiglio di stato a respingere il ricorso. Ora avanti con la battaglia per la tutela del made in Italy e dei prodotti tipici”. A dirlo e’ il deputato leghista Roberto Caon dopo la sentenza di palazzo Spada. “L’agroalimentare italiano si basa su migliaia di sementi storiche. Compromettere questo equilibrio vorrebbe dire uccidere la qualita’ e l’attrattivita’ dei nostri prodotti”. “In questo paese si mangia bene perche’ abbiamo agricoltura storica e prodotti di qualita’. L’introduzione degli ogm tradirebbe la storia agricola italiana e comprometterebbe le nostre filiere agricole specializzate. Solo senza ogm questo Paese potra’ continuare a produrre il buono e il tipico che lo caratterizza in tutto il mondo. Su questo tema c’e’ stata fino ad oggi ampia condivisione in parlamento, ora mi auguro che la guardia continui a rimanere alta”. (ITALPRESS). sat/com 06-Feb-15 18:47 NNNN

    OGM. COLDIRETTI: BENE CONSIGLIO STATO, IN UE FLOP SEMINE BIOTECH

    ASPETTIAMO VIA LIBERA FINALE A DIRETTIVA UE (DIRE) Roma, 6 feb. - “Il Consiglio di Stato conferma una scelta gia’ fatta sul piano politico dall’Italia con la firma il 23 gennaio scorso da parte del ministro della Salute, Beatrice Lorenzin, del ministro delle politiche agricole Maurizio Martina e di quello dell’Ambiente, Gian Luca Galletti del decreto che sancisce il divieto di coltivazione di mais Ogm Mon810 per un periodo di ulteriori 18 mesi dalla sua entrata in vigore, soluzione questa che risulta legittimamente adottata dopo il via libera del Consiglio di Stato stesso che ha respinto il ricorso contro il precedente decreto”. E’ quanto afferma la Coldiretti nel commentare la decisione del Consiglio di Stato che ha respinto il ricorso dell’imprenditore agricolo Giorgio Fidenato che aveva impugnato il decreto del Governo che vieta la coltura del mais geneticamente modificato in Italia. Un intervento “necessario- precisa la Coldiretti- in attesa del via libera finale alla Direttiva europea che consentira’ ai Paesi membri dell’Ue di limitare o proibire la coltivazione di organismi geneticamente modificati (Ogm) sul territorio nazionale. Una scelta coerente con quanto chiedono quasi otto italiani su dieci che sono contrari al biotech nei campi, ma anche con gli ultimi orientamenti produttivi che stanno decretando il flop delle semine Ogm in Europa”. Per l’Italia gli organismi geneticamente modificati (Ogm) “in agricoltura- conclude la Coldiretti- non pongono solo seri problemi di sicurezza ambientale, ma soprattutto perseguono un modello di sviluppo che e’ il grande alleato dell’omologazione e il grande nemico del made in Italy”. (Com/Set/ Dire) 18:00 06-02-15 NNNN

  2. roberto defezNo Gravatar scrive:

    e il Corriere ritira fuori la lettera di Franco Nulli e Deborah Piovan

    http://www.corriere.it/ambiente/15_febbraio_06/ogm-vietati-consiglio-stato-ricorso-12cfdc9c-ae1a-11e4-92f5-d80ea89fe184.shtml

  3. Alberto GuidorziNo Gravatar scrive:

    Il decreto dei tre ministri e la sentenza del Consiglio di Stato sulla seminabilità del MON 810 (è solo questo ad essere ammesso) non sono conformi alla legislazione sementiera comunitaria.

    Lo Stato Italiano, come tutti gli altri Stati membri, ha perso la capacità di fare leggi autonome in campo sementiero fin dal 1985 e quindi quando lo fa inevitabilmente un eventuale ricorso alla Corte di giustizia europea gli da torto.

    LO Stato Italiano lo potrà in futuro fare, ma solo in ambito di sementi OGM, e cioè quando verrà emanata la Direttiva frutto del compromesso intervenuto in Commissione e approvato dal Parlamento europeo, circa la nazionalizzazione delle decisioni in fatto di seminabilità di una varietà OGM. L’esigenza di emettere questa nuova direttiva è la prova provata che le decisioni in fatto di sementi esulano dalle legislazioni nazionali. Sennò perchè emetterla?

    Solo che la Direttiva non è stata ancora emessa e pubblicata come atto ufficiale, inoltre essa avrà validità in uno Stato membro solo quando essa verrà recepita dalla legislazione nazionale. Pertanto davanti abbiamo ancora un po’ di tempo.

    Se quindi nel frattempo il tempo delle semine si aprirà e Giordio Fidenato seminasse MON 810, compie ancora un atto legale in base alle norme vigenti. Certo verrebbe denunciato e la sua semina verrebbe distrutta, ma ricorrendo alla Giustizia europea prenderebbe ragione perchè verrebbe ribadito che il decreto dei ministri e la stessa sentenza del Consiglio di Stato, sarebbero sanciti illegali dal diritto comunitario al momento in cui sono stati emessi.

    COMUNQUE METTIAMOCI IL CUORE IN PACE, GLI OGM PRIMA O POI LI DOVREMO ACCETTARE, QUANDO NON LO SO, MA è SICURO. i MOTIVI SONO QUESTI:

    1° COME ITALIANI E COME IMPORTATORI DEL 50% DELLE DERRATE ALIMENTARI CHE MANGIAMO CI TROVEREMO NELL’IMPOSSIBILITA’DI IMPORRE LE NOSTRE SCELTE, PENA IL PAGARE LE IMPORTAZIONI MOLTO MOLTO PIU’ CARE, AMMESSO CHE SI TROVI CIO’ CHE PRETENDIAMO DI TROVARE. INOLTRE SAREMO SOTTO LA SPADA DI DAMOCLE DI RITORSIONI CONTINUE DA PARTE DEGLI STATI CHE PRODUCONO DERRATE E CHE NOI NON VOGLIAMO COMPRARE. (siamo membri dell’OMC !)

    2° LA NOSTRA AGRICOLTURA MAN MANO PERDERA’ IN COMPETITIVITA’ E LE PRODUZIONI NAZIONALI DIVERRANNO SEMPRE PIU’CARE E TUTTO CIò INCIDERA’ SULLE NOSTRE ESPORTAZIONI. NON MI SI FRAINTENDA PER0′: NON SONO I TRATTI OGM ATTUALI O QUELLI DEI PROSSIMI UNO O DUE DECENNI CHE FANNO AUMENTARE LA PRODUTTIVITA’ IN ASSOLUTO, MA è IL FATTO CHE LA NOSTRA GENETICA NON è ADEGUATA A POTER CREARE VARIETà NAZIONALI NON OGM DI PRODUTTIVITà PARI A QUELLE CHE PRODUCONO ORA LE MULTINAZIONALI ALLO STATO NON OGM. GIà ORA SIAMO TOTALMENTE DIPENDENTI DI SEMENTI DI VARIETà AGRARIE DALL’ESTERO E QUINDI LORO PER RITORSIONE CI FORNIRANNO SEMENTI DI COSTITUZIONE VECCHIA.

    (Testamento di un vecchio)

  4. roberto defezNo Gravatar scrive:

    Oggi su Repubblica il nuovo testo di Elena Cattaneo. Credo sia un testo molto importante e dai toni misurati. E’ un programma di lavoro e penso sia molto importante che Repubblica torni a darle spazio:

    http://new.ecostampa.net/imm2pdf/Image.aspx?&imgatt=3I0KMW&imganno=2015&imgkey=B1SVQ3DI5CD0F&rsdoc=4

  5. roberto defezNo Gravatar scrive:

    Scusatio non petita….

    http://new.ecostampa.net/imm2pdf/Image.aspx?&imgatt=3HX5I7&imganno=2015&imgkey=B1SVOYDI5CD0F&rsdoc=4

  6. roberto defezNo Gravatar scrive:

    Fidenato semina di nuovo, ma in serra, poi si verdra’ come notificare alle autorita’ competenti la coltivazione:

    http://ilpiccolo.gelocal.it/trieste/cronaca/2015/02/08/news/scontro-infinito-sugli-ogm-fidenato-torna-a-seminare-1.10825986

  7. Alberto GuidorziNo Gravatar scrive:

    Siamo veramente ritornati alle sentenze contro Renzo e Lucia di manzoniana memoria. Veramente si sono arrampicati sugli specchi per dare torto a Fidenato.

  8. Alberto GuidorziNo Gravatar scrive:

    Perchè non copiamo?

    http://french.china.org.cn/china/txt/2015-02/10/content_34783554.htm

Lascia un tuo commento

Per allegare una vostra immagine a fianco ai commenti registrarsi al sito Gravatar. Quando inserite la mail in fase di commento, bisogna usare la stessa mail che avete usato per registravi al Gravatar

Nella categoria: News, OGM & Aspetti legali, OGM & Coesistenza

Le rubriche di Salmone

Luca Simonetti

Slow Food. Cattivo, sporco e sbagliato

Petrini aggiorna il suo manifesto, “Buono, pulito e giusto”. Qualche…