Da che parte si schierano Petrini e Marini?

04 Mag 2010
Post2PDF Versione PDF

Giovedì scorso e’ andata in scena una surreale vicenda a Pordenone dopo la provocazione di Fidenato e Facco della semina virtuale di 6 sem di mais, forse OGM forse no. Il video della semina è su youtube e con quello l’autodenuncia dei due esponenti del movimento libertario che forniranno dall’omonimo sito web gli aggiornamenti sulla crescita delle sei piante. Sono stati quindi Facco e Fidenato a fornire alla magistratura ed alle forze dell’ordine le prove del misfatto: se poi si tratta di un reato saranno i magistrati a deciderlo.

SAgRi da sempre è schierata con Futuragra su un percorso diverso che mira ad impugnare la sentenza al Decreto Zaia ed andare per le vie legali a pretendere che sia lo Stato a essere costretto a studiare, capire e rispettare le norme nazionali ed Europee. Ma non ci siamo mai sentiti per questo in dovere di condannare le azioni di Fidenato e Sacco che hanno scelto un altro percorso, di disobbedienza civile Gandiana, come loro stessi lo definiscono.
Difficile dire che i Libertari non abbiano ragione visto che stanno in qualche modo rispettando una sentenza del Consiglio di Stato a cui il decreto Zaia non risponde e non e’ nemmeno pertinente alle questioni sollevate. Inoltre 6 semi non sono una semina commerciale (per cui dovrebbero esserci piani di coesistenza) e nemmeno sperimentale (per la quale non sono richiesti piani di coesistenza).
Sei semi sono una provocazione da semina su un terrazzo o in vaso e come tali dovrebbero essere presi. Ora la magistratura ha i dati per agire: cosa farà?

Noi siamo favorevolissimi alla apertura di una indagine e anche di un processo, certi che gli anti-OGM ne usciranno per l’ennesima volta con le ossa rotte.

Ma le squadracce dei centri sociali sono andate a spiegare col l’unico sistema di cui sono capaci i loro agrgomenti nella sede di Agricoltori federati a Pordenone. SAgRi, non ha alcun dubbio e tra le due posizioni si schiera con Facco e Fidenato che hanno autodenunciato il loro eventuale reato, cosa ne pensano Petrini e Marini? O il nuovo astro nascente della coerenza politica l’Onorevole Nello di Nardo dell’IDV che ha dichiarato su il sole24 ore del 1 Maggiola semina OGM e’ un attentato alla salute pubblica ed all’economia” ossia alcune sentenze dello Stato si rispettano, altre che non piacciano no: complimenti vivissimi.

Sull’intera vicenda meglio leggere la cronaca da Il Gazzettino ed  un commento di Anna Meldolesi sul Riformista (Semina di mais OGM scatenano i centri sociali)

3 commenti al post: “Da che parte si schierano Petrini e Marini?”

  1. Guido FuscoNo Gravatar scrive:

    E a dire che le < <(...)squadracce dei centri sociali >>; si fanno profeti della disobbedienza civile…come dire predicano bene ma razzolano male!
    http://www.youtube.com/watch?v=-U724XcLZDk&feature=player_embedded

  2. Ogm e legalità | Il Fatto Quotidiano scrive:

    [...] Silvano Dalla Libera, ma non a Giorgio Fidenato che, forte della sentenza del Consiglio di Stato, ritiene in suo diritto seminare un mais già regolarmente approvato nell’Unione Europea. Vedremo come evolverà la faccenda nei prossimi mesi. La Commissione Europea presenterà una nuova [...]

  3. Legalità OGM for dummies » Scienza in cucina - Blog - L'espresso scrive:

    [...] Silvano Dalla Libera, ma non a Giorgio Fidenato che, forte della sentenza del Consiglio di Stato, ritiene in suo diritto seminare un mais già regolarmente approvato nell’Unione Europea. La Commissione Europea ha presentato recentemente una nuova proposta di regolamentazione degli [...]

Lascia un tuo commento

Per allegare una vostra immagine a fianco ai commenti registrarsi al sito Gravatar. Quando inserite la mail in fase di commento, bisogna usare la stessa mail che avete usato per registravi al Gravatar

Nella categoria: News, OGM & Aspetti legali, OGM & Mais

Le rubriche di Salmone

Luca Simonetti

Slow Food. Cattivo, sporco e sbagliato

Petrini aggiorna il suo manifesto, “Buono, pulito e giusto”. Qualche…