Una lezione sulla sicurezza alimentare

17 Ott 2007
Post2PDF Versione PDF

Come illustrano molti documenti della sezione “luoghi comuni” di questo sito, l’importante da un punto di vista mediatico è fare notizia a costo di spararla grossa, tanto la smentita verrà relegata in qualche sperduto trafiletto. Questa volta non solo viene ridicolizzata la “bufala” della notizia che la soia GM uccide ratti neonati e rende impotenti i ratti maschi, ma ci viene somministrata una vera e propria lezione di come si conducono i test per la sicurezza alimentare.

Questa lezione è dedicata sopratutto a tutti gli altri tipi di alimenti derivanti da agricoltura tradizionale, biologica, biodinamica e simili che al contrario di quella da OGM non devono passare alcun test per la sicurezza alimentare.

Scarica (qui) il documento

Solo per fare una sintesi esterne del rapporto, si dimostra qui come lo stabulario della ricercatrice russa assomigli piuttosto ad un lager ( o meglio un gulag ) con una moria degli animali 20 volte più elevata di un qualunque stabulario, indipendentemente dagli alimenti somministrati. In Italia una simile struttura sarebbe chiusa dall’ufficio ASL competente

 

Lascia un tuo commento

Per allegare una vostra immagine a fianco ai commenti registrarsi al sito Gravatar. Quando inserite la mail in fase di commento, bisogna usare la stessa mail che avete usato per registravi al Gravatar

Nella categoria: OGM & Luoghi comuni

Le rubriche di Salmone

Luca Simonetti

Slow Food. Cattivo, sporco e sbagliato

Petrini aggiorna il suo manifesto, “Buono, pulito e giusto”. Qualche…