Sindacati di Lotta e di Governo

25 Ott 2010
Post2PDF Versione PDF

Chi ha redatto il documento sottoscritto dagli assessori regionali per chiedere l’adozione della clausola di salvaguardia? (leggi ClausolaOGM) (1)

Dopo l’articolo di Italia Oggi (leggi Italia oggi 23 ottobre 2010) la domanda non puo’ essere elusa. Se si va ad indagare sulle proprieta’ del documento, con un ultimissimo programma di Windows, si scopre che l’apparente identita’ del documento e’ di Coldiretti, (leggi Coldiretti.jpg).

Ma possibile che 20 assessori usino come testo base un documento scritto da un solo sindacato agricolo? Possibile che chi ha redatto il documento non ne abbia cancellato l’identità? Possibile che Confagricoltura non abbia influenza su un solo assessore regionale all’Agricoltura? Possibile che qualcuno abbia volutamente ad arte scritto come  proprietario del testo la proprietà Coldiretti?

Qualche risposta e’ ora necessaria per non alimentare la cultura del sospetto che finisce per ledere alla credibilita’ degli assessori all’Agricoltura e sulla loro autonomia di giudizio.

(1): Volutamente non abbiamo alterato la natura del file, lasciandolo nel formato (docx) leggibile con office 2008,

2 commenti al post: “Sindacati di Lotta e di Governo”

  1. franco nulliNo Gravatar scrive:

    Spero che il mio Presidente sig. Vecchioni avrà modo di darci delle spiegazioni in proposito.

    Franco Nulli

  2. Biotecnologie: Basta Bugie!No Gravatar scrive:

    Anche noi avevamo notato la cosa. Pensate se al posto di Coldiretti ci fosse stato scritto Monsanto… hai voglia che casino!

    http://biotecnologiebastabugie.blogspot.com/2010/10/coldiretti-dietro-linsulso-documento.html

Lascia un tuo commento

Per allegare una vostra immagine a fianco ai commenti registrarsi al sito Gravatar. Quando inserite la mail in fase di commento, bisogna usare la stessa mail che avete usato per registravi al Gravatar

Nella categoria: News, OGM & Agricoltura italiana

Le rubriche di Salmone

Luca Simonetti

Slow Food. Cattivo, sporco e sbagliato

Petrini aggiorna il suo manifesto, “Buono, pulito e giusto”. Qualche…