Deprecated: Assigning the return value of new by reference is deprecated in /web/htdocs/www.salmone.org/home/wp-settings.php on line 512 Deprecated: Assigning the return value of new by reference is deprecated in /web/htdocs/www.salmone.org/home/wp-settings.php on line 527 Deprecated: Assigning the return value of new by reference is deprecated in /web/htdocs/www.salmone.org/home/wp-settings.php on line 534 Deprecated: Assigning the return value of new by reference is deprecated in /web/htdocs/www.salmone.org/home/wp-settings.php on line 570 Deprecated: Assigning the return value of new by reference is deprecated in /web/htdocs/www.salmone.org/home/wp-includes/cache.php on line 103 Deprecated: Assigning the return value of new by reference is deprecated in /web/htdocs/www.salmone.org/home/wp-includes/query.php on line 61 Deprecated: Assigning the return value of new by reference is deprecated in /web/htdocs/www.salmone.org/home/wp-includes/theme.php on line 1109 Deprecated: Call-time pass-by-reference has been deprecated in /web/htdocs/www.salmone.org/home/wp-content/plugins/newsletter/plugin.php on line 910 Deprecated: Call-time pass-by-reference has been deprecated in /web/htdocs/www.salmone.org/home/wp-content/plugins/newsletter/plugin.php on line 910 Alimentazione | Salmone.org - Part 2

L’ESFA non ne sbaglia una

Ottobre 2nd, 2009
Post2PDF Versione PDF | No Comments

Per una volta una vicenda che (quasi) non c’entra con gli OGM. L’EFSA boccia i principali messaggi pubblicitari che entrano nelle nostre case tutti i giorni chiedendo dati, numeri e variabilità statistica alla Danone ed ai suoi prodotti simbolo Actimel e Activia, ma la stessa sorte tocca anche all’anti-colesterolo Danacol.
Insomma, come sempre, in assenza di prove scientifiche documentabili le etichette (che siano sulla pretesa dannosità degli OGM o sullo sgonfiamento delle pancie) non passano il vaglio dell’EFSA: questo è quello che deve fare una seria agenzia scientifica.

Leggi l’articolo del Wall Street Journal Europe

Nella categoria: News, OGM & Economia

Sapere nostalgico

Febbraio 2nd, 2009
Post2PDF Versione PDF | 1 Comment

Uno dei concorrenti del grande fratello 9, di certo non più che ventenne, ha dichiarato, en passant, che il pane non ha più il sapore di una volta. Tendo a prendere molto sul serio dichiarazioni del genere, perché rappresentano un nuovo spirito del tempo. Siamo portati a essere tolleranti e a sorridere quando un’affermazione come la suddetta viene fatta dai nostri nonni, ma è molto difficile capire come può un ventenne ricordare e apprezzare il vecchio sapore del pane di una volta. Una volta, scusate il bisticcio,la condizione temporale “una volta” significava veramente a “una volta”, ossia tantissimo tempo fa, e non ad appena dieci anni fa. Verrebbe da dire: “una volta” non è più quella di” una volta”.

Insomma, davanti ad affermazioni del genere non ce ne possiamo uscire con la massima sulla relatività del tempo. E’ un problema moderno: quello del sapere nostalgico. Quelli che credono nel sapere nostalgico, pensano che tutto sia già avvenuto, magicamente, in età passate. Quello che è avvenuto ha valore mentre il presente è sinonimo di corruzione. Qualsiasi mutazione ci avvia verso la corruzione. In sostanza,  il loro sapere nostalgico offende il presente.

Ancora, il sapere nostalgico fa uso, quando si trova a giudicare la contemporaneità, di canoni estranei ai sentimenti dell’epoca e allora, quel tipo di sapere rischia di fondare un sistema conoscitivo inquisitorio. Colui che giudica in tal senso non conosce il tema attuale ne ha voglia di farlo, dunque, rischia di semplificare un problema complesso. Tuttavia questo sapere nostalgico ha il vantaggio di piacere al grande pubblico. Ma perché noi che usiamo (o abusiamo di) tutti i prodotti della modernità, poi rimpiangiamo quello che è stato?

Detta in breve, e semplicemente, credo sia colpa della cultura di sinistra. E’ riuscita a vincere là dove non avrebbe dovuto vincere. Ha sfondato e occupato il territorio che apparteneva alla destra, quello della tradizione e del mito. Quelle stesse idee che, in gioventù, abbiamo combattuto, perché sembravano rimandare a un immaginario puro e pericolosamente epurato dagli aspetti violenti, un immaginario falso che scambiava condizione per vocazione, tutto queste idee alle quale opponevamo la concezione del progresso (e non dello sviluppo) sono venute meno. La sinistra ha cominciato a rimpiangere. Per evitare di fare i conti con la sconfitta e di elaborare un nuovo piano strategico con dettagliata analisi costi/benefici, ha preferito mettere su un triste teatrino con due attori, da una parte il valore della tradizione dall’altra parte la corruzione della modernità. I due attori sono burattini con connotati veramente grotteschi, pertanto la tradizione è sempre millenaria e dunque carica di significati, la modernità è sempre omologante e corruttrice di antichi saperi. Sono discorsi che solo vent’anni fa, quelli di noi che erano di sinistra avrebbero respinto perché, appunto, considerati di destra e pure un pò fascisti, ora invece fanno tendenza e allora ci tocca assistere allo scontro epico tra  la musica popolare, i cibi genuini, i piccoli contadini, i locali biologici contro le multinazionali, il grande mercato, il complotto economico.

Naturalmente è faticoso per tutti, anche per i sostenitori della tradizione, far tornare i conti, diciamo così, in campo. C’è bisogno di portare avanti una dichiarazione di fede, religiosa, del tipo: una agricoltura sinergica, biodinamica, biologica, nasce dal sano rapporto tra uomo e natura. Dunque per associazione, questi tipo di agricoltura non subisce attacchi né da insetti, né da funghi né da parassiti. Un agronomo mi ha detto che nei campi di pomodoro coltivati con metodi tradizionali non è presente il virus del mosaico. Torniamo al passato dunque, è semplice. Facciamo a meno della chimica e di quelle corrotte biotecnologie. Non ci servono, basta tornare alla natura, quella mitica, religiosa, di spirito creazionista, cioè immutata, capace di autoregolarsi, la natura romantica, tipica della concezione della destra, appunto. Eppure, basterebbe essere un po’ filologi, una professione di cui davvero si sente la mancanza, per renderci conto che in quei luoghi dove, per forza di cose, si pratica agricoltura biologica, come parte dell’Africa, gli insetti ci sono eccome, fanno danni e le produzioni scarseggiano, tanto che il PIL in alcuni stati africani è fermo agli anni 70. Basta pensare a quando i contadini irlandesi, scozzesi e quelli di gran parte dell’Europa, che coltivavano piccoli appezzamenti di terra senza uso alcuno di concimazioni di sintesi e antiparassitari in genere, si era nel 1845, si videro distruggere dalla peronospora (uno studio del 2001 pubblicato su Nature sostiene si tratti di Phytophthora infestans) l’intera produzione di patate. Una carestia così forte da causare un milione di morti e da costringere altri due milioni all’emigrazione forzata in USA. Gli esempi potrebbero continuare all’infinito. Ma dimostrerebbero tutti la stessa cosa, da quella natura di una volta (biologica, biodinamica, sinergica…) siamo scappati, ci teneva in gabbia, eravamo troppo schiavi delle sue mitologiche braccia.

Nella categoria: Antonio Pascale

Contro la xeno-alimentazione

Febbraio 2nd, 2009
Post2PDF Versione PDF | No Comments

Un interesante articolo del corriere della sera con il manifesto del Couscous Clan…

Nella categoria: News, OGM & Media

OGM e la fame nel mondo

Gennaio 30th, 2009
Post2PDF Versione PDF | No Comments

I problemi di insicurezza alimentare non possono essere risolti dagli attuali OGM commercializzati da grandi multinazionali e destinati alle agricolture dei Paesi più sviluppati. Appare strano immaginare come varietà resistenti agli erbicidi come la soia RoudupReady possa avere vantaggi di crescita senza acquistare il relativo erbicida o varietà di mais resistenti all’attacco di parassiti possano crescere senza enormi dosi di fertilizzanti azotati ed irrigazione. Tutte queste condizioni non possono essere trovate nei Paese dell’Africa Sub Sahariana dove più frequenti sono le carestie.
Da un altro punto di vista è compito della Ricerca Pubblica dei Paesi sviluppati applicare le più moderne tecnologie alle varietà più coltivate nei luoghi dove si intende intervenire e quindi su varietà di sorgo, miglio, cassava o vigna. Si tratta di piante di principale uso locale, ma su cui si possono innestare le tecnologie dell’agricoltura biotech per renderle ad esempio maggiormente resistenti all’attacco di parassiti che, nel caso ad esempio della leguminosa vigna, arrivano a distruggere fino all’80% del raccolto. Queste politiche sono incoraggiate e sostenute da uno specifico documento dell’ONU che il 9 maggio del 2003 ha scritto “non è in discussione se le moderne biotecnologie manterranno le loro promesse, ma solo come questi vantaggi verranno condivisi”. L’ONU indica il problema della condivisione della proprietà intellettuale e quindi degli eventuali ritorni commerciali derivanti dall’uso delle tecnologie del DNA ricombinante applicate alle piante. Ancora una volta la ricerca pubblica dei Paesi sviluppati deve fungere da palestra per formare le nuove generazioni di scienziati dei Paesi emergenti e le applicazioni sulle varietà locali devono trovare una forma di coinvolgimento dei due tipi di Paesi.

Ma non si può dimenticare che già oggi il cotone da OGM viene usato da milioni di piccoli coltivatori in Cina, India, Pakistan, SudAfrica, etc e che questi utilizzi hanno portato molto bernessere a quei coltivatori sia in termini di produttività sia in termini di riduzione dell’uso di pericolosi pesticidi.
Infine i recenti forti incrementi dei prodotti alimentari (soia, mais, frumento, riso) incidono anche sulla disponibilità per le parti più svantaggiate della popolazione mondiale. L’avvio di quantitativi sempre più elevati di mais alla produzione di biocarburanti è anche un pericolo perché quelle derrate non verranno più usate per l’alimentazione. Questi movimenti delle cosidette commodities sono stati molto forti nell’ultimo anno ed hanno portato ad una drastica riduzione delle scorte alimentari che per la gran parte dei cereali sono oggi dimezzate rispetto ai quantitativi consigliati dalla FAO. Non si può tacere il fatto che quando gli alimenti scarseggiano sono solo i più ricchi che se li possono permettere e quindi gli aumenti di produzione per ettaro garantiti dalle varietà da OGM risultano in allentamenti delle tensioni speculative sui prezzi delle derrate e quindi in una maggiore facilità di accesso per i Paesi meno ricchi.

Nella categoria: OGM & Ricerca

OGM e sicurezza alimentare

Gennaio 30th, 2009
Post2PDF Versione PDF | 1 Comment

Il capitolo sicurezza alimentare è stato da sempre un grande cavallo di battaglia dell’opposizione agli OGM a livello internazionale. Sin dallo sbarco sui media degli OGM nell’estate del 1998 ad opera di Putzai fino ai giorni nostri con le insinuazioni di Ermakova sulla fertilità di ratti nutriti con soia transgenica (http://www.salmone.org/wp-content/uploads/2007/09/nbt0907-981.pdf) il tema del rischio alimentare è sempre stato molto sbandierato. L’industria alimentare Europea e soprattutto le grandi catene della distribuzione del cibo hanno approfittato subito di questa paura inculcata nei consumatori lanciando linee di prodotti OGM-free come se questi contenessero una certificazione di salubrità per il consumo umano. In realtà si è trattato solo di una brillante scelta commerciale confezionata da grafici pubblicitari e non da medici nutrizionisti con cui è stato giustificato l’incremento dei prezzi di linee di prodotti di filiera. La certificazione di essere esenti da OGM ha giustificato questi prodotti come alimenti di una qualche più elevata qualità e quindi meritevoli di essere pagati a prezzi più elevati dai consumatori. In realtà vedremo tra breve che alcuni prodotti OGM-free dovrebbe costare meno e non di più di un prodotto contenente alcuni specifici tipi di derivati di piante ingegnerizzate.

Va ricordato come tutte le più prestigiose autorità internazionali abbiano sempre garantito la sicurezza alimentare degli OGM e tra questi vanno citati l’Organizzazione mondiale della Sanità, l’Agenzia Europea per la Sicurezza Alimentare (EFSA), la Food and Drug Administration degli USA, il programma per gli aiuti alimentari ai Paesi in via di sviluppo delle Nazioni Unite, la FAO, l’Unione Europea e tutte le più presigiose accademie scientifiche internazionali. Una sintesi di questa analisi si trova nel consensus document sottoscritto da 16 Società scientifiche italiane coordinate dalla Società Italiana di Tossicologia e consultabile al sito: http://www.salmone.org/wp-content/uploads/2007/09/consensus-ita.pdf
La fiducia nella sicurezza alimentare degli OGM finora commercializzati deriva da due aspetti: l’assenza di una sola persona ospedalizzata fino ad oggi a seguito del consumo di un alimento contenente OGM e la dimostrazione che i controlli di sicurezza funzionano ben a monte del possibile arrivo sul mercato degli alimenti.

Fino ad oggi non esiste nessuna prova scientificamente dimostrata di un effetto negativo su esseri umani derivante dal consumo di OGM. Il caso di una presunta reazione allergica derivante dal consumo di alimenti a base di un tipo mais illecitamente commercializzato (il caso Starlink), si è risolto con la condanna dell’azienda che aveva trasgredito al divieto di commercializzare l’alimento già definito sospetto ed autorizzato perciò solo per il consumo animale e con un rapporto del prestigioso Center for Disease Control di Atlanta che escludeva la presenza di alcuna reazione allergica (da IgE) nel siero degli individui che avevano dichiarato una simile patologia.
Nel paragrafo successivo viene riportato il caso del mais Bt e dei suoi vantaggi ambientali. Ma il mais Bt è estremamente valido anche dal punto di vista della sicurezza alimentare essendo meno soggetto alla contaminazione da fumonisine.  Le fumonisine sono micotossine capaci di indurre tumore all’esofago nell’uomo e malformazioni del sistema nervoso centrale dei feti delle donne in gravidanza (ad esempio spina bifida). Le fumonisine causano le patologie sopra descritte inibendo l’assorbimento di acido folico, la vitamina B9. Esiste una vasta letteratura che mostra come le fumonisine siano 2-6 volte più abbondanti nel mais tradizionale rispetto alle concentrazioni presenti nel mais Bt. La ragione risiede nel fatto che un mais Bt non viene quasi attaccato da alcuni parassiti del mais quali la piralide. Questo insetto scava delle gallerie nel fusto e nella pannocchia e tali cavità sono ideali per lo sviluppo di funghi tossici. Infatti in un ambiente umido ed oscuro i funghi possono proliferare e rilasciare i prodotti del loro metabolismo secondario quali appunto le fumonisine. Questo dato mostra come alcuni OGM siano più sicuri dei loro progenitori non-ingegnerizzati. Sulla base di questi dati si spiega come nel penultimo paragrafo un alimento etichettato come NO-OGM dovrebbe costare di meno e non di più di uno analogo dove un mangime era a base di mais Bt.

Invece in due distinte occasioni (i casi della noce brasiliana e dell’alfa-amilasi di fagiolo) si è dimostrato che prodotti derivanti da OGM non hanno superato la fase sperimentale e quindi non hanno mai raggiunto i consumatori proprio a causa dei controlli accurati che presiedono a questa transizione nel caso dei soli OGM. In entrambi i casi le piante ingegnerizzate in questione sono state bloccate dagli stessi sperimantatori dimostrando come il sistema di controlli si sia dimostrato efficace.

In realtà la sicurezza alimentare ha fatto negli ultimi anni dei grandi passi in avanti, mentre si assiste ad un sempre più ossessivo richiamo nostalgico ai bei tempi andati dimenticando gli enormi problemi sanitari connessi con una preparazione artigianale degli alimenti. Per una trattazione documentata e coinvolgente si rimanda al libro di Antonio Pascale, Scienza e Sentimento, Einaudi 2008.

Nella categoria: OGM & Ricerca