Deprecated: Assigning the return value of new by reference is deprecated in /web/htdocs/www.salmone.org/home/wp-settings.php on line 512 Deprecated: Assigning the return value of new by reference is deprecated in /web/htdocs/www.salmone.org/home/wp-settings.php on line 527 Deprecated: Assigning the return value of new by reference is deprecated in /web/htdocs/www.salmone.org/home/wp-settings.php on line 534 Deprecated: Assigning the return value of new by reference is deprecated in /web/htdocs/www.salmone.org/home/wp-settings.php on line 570 Deprecated: Assigning the return value of new by reference is deprecated in /web/htdocs/www.salmone.org/home/wp-includes/cache.php on line 103 Deprecated: Assigning the return value of new by reference is deprecated in /web/htdocs/www.salmone.org/home/wp-includes/query.php on line 61 Deprecated: Assigning the return value of new by reference is deprecated in /web/htdocs/www.salmone.org/home/wp-includes/theme.php on line 1109 Deprecated: Call-time pass-by-reference has been deprecated in /web/htdocs/www.salmone.org/home/wp-content/plugins/newsletter/plugin.php on line 910 Deprecated: Call-time pass-by-reference has been deprecated in /web/htdocs/www.salmone.org/home/wp-content/plugins/newsletter/plugin.php on line 910 Argomenti Contro | Salmone.org

Quando i professori dovrebbero andare a scuola

Aprile 11th, 2012
Post2PDF Versione PDF | 4 Comments

Continuano le lezioni gratuite ai cattedratici e la dovizia di dettagli può servire a tanti anche perché la tesi dei solo 4 geni è l’unico argomento che il prof. Buiatti ripete da anni, evidentemente perché non ha altri argomenti:

http://fedebiotech.wordpress.com/2012/04/06/prof-marcello-buiatti-e-la-sicurezza-degli-ogm/

Nella categoria: News, OGM & Argomenti contro

Le Regioni sentono puzza di ritorsioni commerciali

Aprile 5th, 2012
Post2PDF Versione PDF | 6 Comments

La proposta danese a cui il Ministro Clini ha aderito sembrerebbe molto favorevole agli anti-OGM in quanto consente loro di vietare la coltivazione di OGM sull’intero territorio nazionale senza dare spiegazioni scientifiche (ossia evitando il loro tallone d’Achille dal momento che non esistono prove scientificamente decenti per vietare la coltivazione di OGM).

Ma le Regioni temono molto questa libertà che gli vuole dare l’Europa su proposta della presidenza Danese, e la ragione starebbe nel rischio che le sanzioni commerciali a quel punto del tutto lecite sarebbero dirette contro i singoli stati e non contro l’intera EU. Così vino, formaggi, salumi, scarpe o occhiali da sole potrebbero finire sotto i colpi di una ragionevolissima ritorsione commerciale degli stati produttori di OGM.
Ecco perché le Regioni hanno pensato di scatenare Catania contro Clini chiedendo sempre a Catania di fare da parafulmine invocando una “clausola di salvaguardia” nazionale in modo che le singole Regioni siano al riparo.
http://www.statoregioni.it/Documenti/DOC_035735_F.S. REGIONI. OGM.pdf
Il povero Catania si trova alla guida di un Ministero che non ha mai prodotto un solo dato decente sulla pericolosità degli OGM anche perché ha sempre vietato la Ricerca , anche quella che gli avrebbe consentito di trovare una qualche falena che perdeva un individuo su 392 ( i dati sono quelli veri) in presenza di mais Bt. Quindi ora il povero Catania viene mandato in prima linea ben sapendo che non avrà la protezione né dell’artiglieria né dell’aviazione. Povero Ministro Catania lanciato all’assalto alla baionetta.

La coperta si sta accorciando e qualcuno rischia un raffreddore. Si tratta di una cortina di ferro arrugginita e come quella originale sarà impenetrabile fino al momento in cui qualcuno cercherà di salvarsi prima degli altri per trarne qualche vantaggio e prima che il tutto gli crolli addosso. A quel punto sarà un fuggi fuggi, ma non temete, la classe politica continuerà a galleggiare.

Nella categoria: News, OGM & Agricoltura italiana, OGM & Europa

La corrida

Febbraio 20th, 2012
Post2PDF Versione PDF | 1 Comment

pericolo ogmLa nuova puntata vede l’ennesimo articolo terrorifico su tutti i tipi di OGM oggi commercializzati. Il testo sembra assai preoccupante, ma stranamente gli autori non chiedono che siano messi al bando i prodotti da agricoltura biologica che usano il Bt come pesticida. Strano, se ne saranno scordati.
Ovviamente non ci sono analisi comparate con altri prodotti simili e non si immagina nemmeno di mettere alla prova nelle stesse condizioni composti ritenuti sicuri. Gli sperimentatori non sembrano ricordare che la digestione degrada gli alimenti e già alcuni forum fanno i conti che i dosaggi per avere gli effetti desiderati sono insensati:

-I did some quick math on the Bt levels, and they only observed an effect at 100 ppm of Cry1Ab. Well, the levels of Cry1Ab in corn grain is 0.83 ppm, which means that to get high enough concentrations of Bt in your body, if you weigh 200 lbs, would be 200 / 0.83 * 100 = 24,000 lbs of grain!

Funny note - the reference they used for levels of Bt in corn said that there’s 0.83 +/- 0.15 ppm of Bt in the grain. But Seralini and company reported 1-20 ppm. The levels only get that high in the LEAVES for a brief period of time.

-Nobody eats raw field corn.  Bt is denatured by heating and is inactive in this form.  It is then digested.  Bt is not absorbed into the bloodstream,

Very few GM critics seem to pay attention to Paracelsus’ observation that the dose makes the makes the poison but fewer still respect the basic paradigm of toxicology abbreviated as ADME (absorption, distribution, metabolism, and excretion).

Séralini has ignored the dose by exposing at much higher concentrations than would be expected to be encountered in real life.  This is, however, normal for toxicological evaluation. Higher than expected doses are evaluated so that a safety margin (tolerable intake, acceptable daily intake, etc) can be determined.  Thus our friend Séralini could defend himself against this charge.

The real crime in the experiment is an inappropriate route of exposure (directly on cells) which would not occur in the real world and the use of an irrelevant form (eg. not denatured).  A good many chemicals and proteins that we consume would be toxic if applied directly to cells.  If you don’t study a substance using the anticipated route of exposure the results are no meaningful.

As a side-bar I have to throw into the discussion that virtually no field corn is eaten by humans.  In this country about 1-2% goes into Fritos, Doritos, tortilas, etc.  In many of these products the corm meal is nixtalized which would destroy Bt.  Thermal processing such as frying would denature the Bt anyway.  Thus the anticipated human exposure to Bt is nil.  One has to wonder why countries that import US maize for use as animal feed demand absolute safety when none of it is likely to enter the human food chain.  Is anybody really thinking about what I have said in this paragraph or are they all brain dead?

Comunque l’articolo esce in tempo per giustificare la moratoria elettorale francese.

Nella categoria: OGM & Argomenti contro, OGM & Salute

Farfalle e lombrichi vivono bene in un campo di mais Bt

Giugno 10th, 2010
Post2PDF Versione PDF | 1 Comment

In uno studio durato 4 anni  http://www.gmo-compass.org/eng/news/513.docu.html
si dimostra come i lombrichi dediti a degradare i residui delle coltivazioni sovrastanti vivano altrettanto bene in un campo di mais tradizionale ed in un campo di mais Bt.

Di segno diverso l’articolo scientifico su PNAS che illustra come siano diventate resistenti all’erbicida glyfosate delle erbe infestanti. Anche nel commento http://www.pnas.org/content/107/3/955.full.pdf+html si evidenzia come il passaggio all’uso del glyfosate sia stato un grande miglioramento agronomico (ed ambientale) che ci ha finora risparmiato tanti erbicidi molto più pericolosi. Pur considerando il fatto che le infestanti stanno guadagnando terreno la situazione generale dimostra come l’uso del glyfosate nella agricoltura da OGM sia stata una scelta saggia e vincente.
Consultando l’enciclopedia mondiale delle infestanti http://www.weedscience.org/summary/MOASummary.asp , si vede come quelle resistenti a glyfosate sono solo il 5,49% del totale dei casi di infestanti. Questi dati vanno sempre considerati perche’ dismesso il glufosate, altri erbicidi verranno usati (forse piu’ graditi alle associazioni anti-OGM) ed altri infestanti ad essi resistenti appriranno. Insomma si devono sempre considerare costi, benefici e le alternative realistiche.

Infine acora  buone notizie sulla decomposizione delle foglie di mais Bt. In un recente articolo su Transgenic research http://www.ncbi.nlm.nih.gov/pubmed/19609704
si mostra come il mais Bt si degrada velocemente e non valica il mese di dicembre con quantitativi significativi delle proteine insetticide. Alcune varianti della proteina insetticida scompaiono quasi dopo 2 settimane di interramento nei suoli. La variante Cry1Ab presente nel MON810 e’ la piu’ rsistente. Malgrado cio’ le foglie necrotizzate che si trovano alla base della pianta hanno un contenuto del solo 10% di proteina rispetto alle foglie piu’ vitali nella parte superiore e questo prima ancora di finire nelo suolo per essere degradata da microrganismi e altri prganismi http://www.ncbi.nlm.nih.gov/pubmed/20091160
La conclusione di questa massa di analisi e’ che gli autori non vedono problemi di ordine ecologico dovuti alla degradazione di residui di piante di mais Bt.

Nella categoria: News, OGM & Argomenti contro

La Natura non sceglie le cose naturali

Giugno 1st, 2010
Post2PDF Versione PDF | No Comments

Gli uccelli preferiscono cibarsi con semi prodotti da agricoltura tradizionale rispetto a semi da agricoltura biologica: http://news.sciencemag.org/sciencenow/2010/05/scienceshot-organic-seeds-not-fo.html

La più semplice spiegazione è che essendo fertilizzati meglio hanno più proteine e quindi sono preferiti dai volatili.
L’altra spiegazione è che gli uccelli non guardano la pubblicità, ma si affidano al loro desiderio di sopravvivere e nutrire la prole.

Nella categoria: News, OGM & Argomenti contro