La crisi delle aziende e il miglioramento genetico il 24 a Padova

Novembre 20th, 2015
Post2PDF Versione PDF | 1 Comment

Confagricoltura richiama a Padova esperti diversi per riflettere sulle attuali opzioni sul campo.
http://wisesociety.it/incontri/roberto-defez-lagricoltura-italiana-non-e-competitiva-senza-ogm/

Scarica la brochure dell’evento il 24 a Padova

Nella categoria: News, OGM & Agricoltura italiana, OGM & Media

Il No agli OGM è un Si agli insetticidi

Luglio 14th, 2014
Post2PDF Versione PDF | 5 Comments

Articolo aggiornato il 15 Luglio, dopo la pubblicazione iniziale.

Le Società scientifiche e le Accademie di agraria scrivono al Parlamento per avversare il DL1541, e protestare del fatto che ancora una volta gli scienziati non sono stati a uditi ben sapendo che non sono funzionali a questo tipo di politica.

Leggi il comunicato stampa delle associazioni scientifiche

I presidenti di 7 confederazioni regionali di Confagricoltura si schierano senza badare alle convenienze ed agli interessi particolari di chi frena l’imprenditoria agricola.

CONFAGRICOLTURA DI VENETO, LOMBARDIA, PIEMONTE,

EMILIA ROMAGNA, FRIULI VENEZIA GIULIA, CAMPANIA, PUGLIA

Manifesto: “più Ogm meno chimica”

Anche quest’anno sta per iniziare la stagione dei trattamenti antipiralide sul mais.

Una superficie stimata di 900.000 ettari verrà a breve trattata con più di 100.000 litri di insetticida, per un giro d’affari per le multinazionali della chimica di 45 milioni di Euro.

E tutto questo con buona pace della biodiversità, dell’ambiente e di quelle organizzazioni che si fanno paladine della lotta al potere delle multinazionali e della difesa dell’ambiente.

La verità sta in quanto sostenuto recentemente anche dalla Senatrice Prof.ssa Elena Cattaneo: più ogm significa meno chimica.

Ovvero che esiste un modo per rendere l’agricoltura più sostenibile, conciliando rispetto dell’ambiente e produttività: cioè “insegnare” alle piante a difendersi da sole dai parassiti attraverso l’ingegneria genetica.

Se si rifiutano gli ogm, invece, il trattamento chimico si rende indispensabile: le ferite provocate dalle larve dell’insetto sulla coltura causano perdite di produzione, ma soprattutto creano l’habitat ideale per lo sviluppo di funghi. Il risultato è che la granella rischia di essere contaminata da micotossine, altamente tossiche per uomo e animali d’allevamento.

La cronaca di questi giorni porta notizie di sequestro di prodotti alimentari in cui si sono registrati livelli di tossine superiori al minimo consentivo per legge. Confagricoltura denuncia da anni il problema, invitando tutti gli attori della filiera del mais a mettere in atto ogni misura necessaria a ridurre la presenza di tali sostanze.

Gli attacchi della piralide rappresentano il primo fattore di rischio e poter seminare mais Bt sarebbe la soluzione più semplice, più economica e più rispettosa dell’ambiente e della salute dei consumatori.

Il problema della piralide interessa solo il sud dell’Europa, Spagna e Italia in particolare, proprio i Paesi con maggior rischio di contaminazione da tossine. La Spagna si è attrezzata, consentendo le semine di mais ogm: infatti le loro produzioni sono arrivate a superare stabilmente i 110 q.li/ha. In Italia invece, dove la semina di ogm non è consentita, la produzione di mais è in costante calo dal 2001: l’anno scorso si è attestata 78,1 q.li/ha.

Il resto d’Europa è scarsamente interessato alla semina dell’unico ogm approvato per la coltivazione in UE, il mais ogm Mon810, dato che per loro il problema piralide non esiste.

Ci troviamo pertanto ad assistere al seguente paradosso: la produzione italiana di mais cala costantemente, la sua qualità è ogni anno a rischio, le importazioni aumentano e il mais di importazione vale, quotazioni di borsa alla mano, più del nostro e qualche volta è pure inquinato dalla diossina, come successo recentemente.

Confagricoltura chiede con forza che tale assurda situazione venga affrontata dalla politica, consentendo nuovamente la ricerca sugli ogm in Italia, con l’obiettivo di arrivare alla coltivazione e ridare competitività alla nostra produzione di mais.

Firmato:

Lorenzo Nicoli Presidente Confagricoltura Veneto

Matteo Lasagna Presidente Confagricoltura Lombardia

Gian Paolo Coscia Presidente Confagricoltura Piemonte

Guglielmo Garagnani Presidente Confagricoltura Emilia Romagna

Claudio Cressati Presidente Confagricoltura Friuli Venezia Giulia

Michele Pannullo Presidente Confagricoltura Campania

Umberto Bucci Presidente Confagricoltura Puglia

Leggi anche: http://www.agricolae.eu/okl/

Nella categoria: News, OGM & Ambiente

Confagricoltura Lombardia torna sul tema OGM

Marzo 17th, 2014
Post2PDF Versione PDF | No Comments

Oltre alle dichiarazioni però varrebbe la pena tra un mese di piantare anche qualche campo con mais Bt iscritto nel catalogo comune europeo.

Leggi Le aziende motore dello sviluppo

Nella categoria: News, OGM & Economia

OGM: non ho l’età per amarti

Novembre 19th, 2013
Post2PDF Versione PDF | 58 Comments

gigliola_cinquetti_-_non_ho_letacc80 Secondo l’assessore Manzato gli imprenditori agricoli veneti non avrebbero l’età per amare gli OGM. Questi tipi di paternalismi pelosi nascondono interessi che nulla hanno a che fare col rispetto della libertà d’impresa e col diritto. La risposta di Confagricoltura Veneto è molto chiara e mostra un clima che sta cambiando.

Leggi il comunicato stampa di Confagricoltura Veneto

Nella categoria: News, OGM & Agricoltura italiana, OGM & Politica

Confagricoltura Piacenza si muove

Novembre 4th, 2013
Post2PDF Versione PDF | 2 Comments

Confagricoltura Piacenza dice cose chiare su OGM ed EXPO- 2015 in un ottimo articolo apparso su Libertà.

Leggi “Expo, deve essere presente tutta la nostra agricoltura“.

Nella categoria: News, OGM & Agricoltura italiana, OGM & Politica

Le rubriche di Salmone

Luca Simonetti

Slow Food. Cattivo, sporco e sbagliato

Petrini aggiorna il suo manifesto, “Buono, pulito e giusto”. Qualche…