L’Europa fa la cicala e le formiche del mondo la nutrono

Maggio 18th, 2010
Post2PDF Versione PDF | 1 Comment

In un interessante analisi del centro di ricerca OPERA dell’Università Sacro Cuore di Piacenza, si scopre che l’Europa usa 35 milioni di ettari di terra non sua, l’equivalente di tre Italie agricole, per sfamarsi. In pratica l’Europa importa derrate alimentari per 45 miliardi di  dollari ed il resto del pianeta produce (non certo a chilometri zero) cibo per consentire ai ricchi europei di parlare di agricoltura non intensiva, di decrescita, di basso impatto, scandalizzandosi del fatto che la Cina compra milioni di ettari in giro per il mondo per produrre alimenti. Intanto le navi da carico piene di formichine operose per adesso sfamano le allegre cicale Europee: quanto durera’? quando il resto del mondo ci presentera’ il conto del nostro lauto pasto?

Leggi lo studio de centro OPERA

Nella categoria: News, OGM & Europa

Le rubriche di Salmone

Luca Simonetti

Slow Food. Cattivo, sporco e sbagliato

Petrini aggiorna il suo manifesto, “Buono, pulito e giusto”. Qualche…