Dedicato ad OGM bb

Novembre 16th, 2012
Post2PDF Versione PDF | 138 Comments

Tanto per far capire che non scherziamo per nulla, ieri sono state pubblicate 6 domande scientifiche da fare ai candidati alle primarie, quindi per ora solo a quelli del centro-sinistra, poi si vedrà.
L’iniziativa parte da alcuni blogger e dalla direttrice de Le Scienze, Claudia Di Giorgio.

Una delle domande verteva sugli OGM, ma nella sua impostazione iniziale era molto vaga, qualcosa del tipo: che ne pensa della ricerca sugli OGM e che ne pensa dell’etichettatura degli OGM.
Tutti i candidati avrebbero risposto che la ricerca deve continuare e deve essere più finanziata e che gli alimenti OGM devono essere etichettati visto che lo prevede una legge europea.

Salmone Sagri si è inserito nel dibattito on line ed ora la domanda 5 è profondamente cambiata:

5. Quali politiche intende adottare per la sperimentazione pubblica in pieno campo di Ogm e per l’etichettatura anche di latte, carni e formaggi derivati da animali nutriti con mangimi Ogm?

Ora ci si deve schierare per la sperimentazione in campo e già qualche differenza di posizione ce l’aspettiamo, ma il pepe è sull’etichettatura (di qui la dedica al nostro anti-OGM bb).
Come faranno a dire che non li vogliono etichettare? Vendola di sicuro abboccherà subito all’amo, ma qualcuno di più saggio e responsabile avrà qualche tormento d’intestino.
Se chiede l’etichettatura mette in difficoltà i Consorzi di tutela, i grandi Supermercati e i consorzi agrari che vendono i mangimi OGM.
Ma per dire che l’etichettatura non serve devono spiegare che:
1. Seralini non ne ha detta una giusta,
2. gli OGM non provocano danni alla salute, allergie o danni all’ambiente
3. va bene acquistarli in Sudamerica
4. che se continuiamo così con un doppio binario le grandi aziende stanno buone anche se sulla pelle di agricoltori e scienziati.

Vediamo ora come ne escono da questo dedalo. Forse da politici, ma forse per una volta capiranno che non è tacendo e facendo marcire le situazioni che queste si risolvono. Forse capiranno che se si vuole fare politica le complessità vanno affrontate e non accantonate o appaltate ad una sola parte in causa.

Nella categoria: News, OGM & Politica, OGM & Salute

Le rubriche di Salmone

Luca Simonetti

Slow Food. Cattivo, sporco e sbagliato

Petrini aggiorna il suo manifesto, “Buono, pulito e giusto”. Qualche…