Dissotterrato il Corno di guerra

Febbraio 21st, 2015
Post2PDF Versione PDF | 161 Comments

corno letamedi Giordamo Masini

Gli Ogm no, ma il “Cornoletame” sbarca pure in Bocconi (con Monti presente)

Il Cornoletame è uno dei preparati dei quali le aziende biodinamiche devono fare uso

Il più importante di tutti è il preparato 500, o “Cornoletame”. Si ottiene riempiendo di letame il corno di una vacca che abbia già figliato almeno una volta, si seppellisce il tutto all’inizio
dell’autunno, lo si lascia fermentare durante l’inverno e lo si tira fuori nel periodo pasquale. A questo punto si estrae il letame dal corno, lo si conserva in un luogo fresco, possibilmente in un
contenitore circondato da torba. I periodi migliori per distribuirlo sui campi sono i pomeriggi nuvolosi, subito prima della semina.

Non stiamo parlando, come sembrerebbe, di riti sciamanici precolombiani, ma di agricoltura biodinamica. Il Cornoletame è uno dei preparati dei quali le aziende biodinamiche devono fare uso, ma ce ne sono altri, come il 505, “Quercia”: si pialla la corteccia di una quercia, la si trita finemente e la si inserisce nel teschio di un animale domestico (proprio così) attraverso il foro del midollo
spinale, che si richiude poi con della creta. Si fa decomporre il tutto ai bordi di uno stagno durante l’inverno, finché in primavera non è pronto all’uso. O il numero 502, per preparare il quale è
necessario conservare, prima al sole dell’estate e poi sottoterra, dei fiori di Achillea in una vescica di cervo maschio. D’altronde chi non saprebbe come procurarsene una?

ARTICOLI CORRELATI Il Consiglio di stato vieta ancora gli ogm in Italia. Un’altra vittoria dell’ignoranza No all’Expo dei luoghi comuni Tra Papa e Ogm, la falsa partenza dell’ExpoCe n’è per tutti i gusti, e
se qualche ingrediente dovesse scarseggiare, ci si può rivolgere ad aziende specializzate che promettono di predisporre il preparato secondo il disciplinare, corna di vacca, vesciche di cervo e crani di animalidomestici compresi. Un chilo di cacca di mucca, dopo avere subito questo tipo di trattamento, arriva a costare ben 75 euro, Iva esclusa. Non male, davvero, come rivalutazione.

L’agricoltura biodinamica prese vita grazie a un celebre ciclo di conferenze che il filosofo Rudolf Steiner tenne nel 1924, nel quale concentrò sull’agricoltura le sue bizzarre concezioni esoteriche e che oggi sono conservate in un testo dal titolo “Impulsi scientifico-spirituali per il progresso dell’Agricoltura” (Editrice Antroposofica). Di lì apprendiamo che per scacciare i topi dai campi è
necessario spargere la pelle di un topo (giovane) dopo averla bruciata quando Venere è nel segno dello Scorpione, mentre per bruciare gli insetti è meglio aspettare che il Sole vada nel segno del Toro. E che “La vacca ha le corna al fine di inviare dentro di sé le forze formative eterico-astrali, che, premendo verso l’interno, hanno lo scopo di penetrare direttamente nell’organo digestivo” da cui
l’importanza del corno della vacca nella preparazione del concime. E che per guarire dal cancro (non il segno zodiacale, in questo caso, ma la malattia) bisognerebbe evitare di mangiare pomodori.

Insomma, nulla di serio, anzi, uno “sciocchezzario” in piena regola, i cui vantaggi per la salute, l’ambiente e le qualità organolettiche dei prodotti agricoli non sono mai stati dimostrati (e ci mancherebbe il contrario) da nessuno. Eppure, a celebrare le virtù salvifiche dell’agricoltura biodinamica, in questi giorni a Milano, complice l’imminenza dell’Expo dei luoghi comuni, si riunisce un parterre da lasciare a bocca aperta. Ilconvegno dell’Associazione per l’Agricoltura Biodinamica, infatti, organizzato in collaborazione con l’Università Bocconi (sembra è uno scherzo, ma non lo è – anzi, il convegno si svolge proprio nell’aula magna dell’ateneo milanese), vede prendere la parola il ministro dell’Agricoltura Maurizio Martina, Carlo Petrini, Giulia Maria Crespi, Moncalvo di Coldiretti, Salvatore Veca, Gian Antonio Stella fino al presidentissimo senatore a vita prof. Mario Monti. E la
lista è lunga davvero.

Perché gli Organismi geneticamente modificati (Ogm) non vanno bene, nella Milano da bere dell’Expo 2015, il Cornoletame e le vesciche di cervo maschio evidentemente sì. Anche all’Università Bocconi.

Leggi l’articolo su Il Foglio

Nella categoria: News, OGM & Agricoltura italiana, OGM & Argomenti contro

Giordano Masini trova una vecchia fattura

Ottobre 10th, 2013
Post2PDF Versione PDF | 1 Comment

Con le royalties da pagare al costitutore di semi non-OGM: Una royalty non si nega a nessuno

Nella categoria: News, OGM & Coesistenza, OGM & Media

Prove di dialogo con gli eredi dei roghi delle streghe

Maggio 29th, 2012
Post2PDF Versione PDF | 1 Comment

Giordano Masini ha seguito più di tutti dall’inizio questa vicenda britannica e ne ha ricostruito i passaggi che hanno portato ad avere almeno 2 giorni di sopravvivenza in più dei campi sperimentali. Vediamo se e quanto dura: Scienza e percezione del rischio: qualcosa è cambiato, nelle campagne inglesi

Nella categoria: News, OGM & Ricerca

Le rubriche di Salmone

Luca Simonetti

Slow Food. Cattivo, sporco e sbagliato

Petrini aggiorna il suo manifesto, “Buono, pulito e giusto”. Qualche…