Sicurezza alimentare dei vegetali

Novembre 14th, 2013
Post2PDF Versione PDF | 1 Comment

Ecco un modo di analizzare i problemi di sicurezza alimentare senza evocare falsi problemi, come se di veri problemi non ne avessimo già abbastanza.

Leggi La guerra dei pomodori

Nella categoria: News, OGM & Insicurezza alimentare, OGM & Salute

Uova alla diossina in Germania

Aprile 4th, 2012
Post2PDF Versione PDF | 2 Comments

Sequestrata azienda biologica del Nordreno Vestfalia:

http://www.ilsole24ore.com/art/notizie/2012-04-04/uova-diossina-germania-sequestrata-113653.shtml?uuid=AbjMMrIF

Quando mancano pochi giorni a Pasqua le autorità sanitarie tedesche hanno lanciato un allarme diossina nelle uova. Nel mirino è finita un’azienda biologica del Nordreno Vestfalia, con 25mila galline, che è stata posta immediatamente sotto sequestro. Gli esperti avrebbero ritrovato nelle uova prodotte dall’azienda una concentrazione di diossina (PBC) fino a sei volte superiore a quella consentita per legge. Secondo lo Spiegel l’azienda avicola incriminata rifornisce prevalentemente i grandi supermercati del Land.

Nei primi mesi dell’anno scorso era scoppiato in Germania un altro scandalo diossina: 4.709 allevamenti erano stati chiusi a causa della vendita di mangimi alla diossina a numerosi allevatori del paese.

Nella categoria: News, OGM & Europa

La terra serve per produrre cibo

Dicembre 29th, 2011
Post2PDF Versione PDF | 2 Comments

La crisi fa evocare scenari da carestia (leggi un’altra carestia) a Paolo De Castro, presidente della commissione Europea Agricoltura e per due volte ministro delle politiche agricole italiane negli ultimi 12 anni. Nessuna chiusura sugli OGM e biogas da scarti e non come ci stiamo accingendo a fare dalle produzioni di mais. Non è difficile immaginare quanto mais dovremo importare nel 2012 visto quanto ne stiamo per consegnare alla produzione di energia.

Nella categoria: News, OGM & Insicurezza alimentare

Siamo 7 miliardi di persone

Dicembre 16th, 2011
Post2PDF Versione PDF | 1 Comment

sette-miliardi-video
La crescita demografica è una delle maggiori motivazioni a cercare di aumentare la resa per ettaro diminuendo l’impatto ambientale dell’agricoltura. Si tende spesso a dimenticare con quale rapidità la popolazione umana è cresciuta e sopratutto grazie a quali avanzamenti scientifici e tecnologici. Certamente medicine, antibiotici, refrigerazione del cibo e sopratutto la rivoluzione verde sono alla base del boom demografico. Un video molto semplice ed istruttivo riassume questi concetti e ci fa apprezzare quanto la nostra condizione sia molto privilegiata rispetto a quella dei nostri antenati.
http://www.youtube.com/watch?feature=player_embedded&v=VcSX4ytEfcE

Nella categoria: News, OGM & Insicurezza alimentare

Una tranquilla giornata di paura

Luglio 13th, 2011
Post2PDF Versione PDF | 2 Comments

Come succede ogni giorno il centro Europeo di allerta rapido (RASFF) continua ad accumulare emergenze alimentari in maniera instancabile e certosina con tutti gli alimenti pericolosi che si consumano in Europa.
Ho selezionato tra le 56 allerte pubblicate in data 12 luglio 2011, solo quelle che coinvolgevano l’Italia o come Paese produttore dell’allarme o come Paese in cui i prodotti erano stati importati. La lista non è quella che consiglierei di consultare prima di sedersi a tavola.
Allarmi, allerte o semplici attenzioni alimentari riguardano una vasta gamma di prodotti quali:

  • Escherichia coli nella carne tritata
  • Anisakis nella rana pescatrice, merluzzo o tonno
  • Escherichia coli nei semi di fieno greco per germogli
  • Mercurio nel pesce spada
  • Listeria nel salmone
  • Enterococco nell’acqua minerale
  • Acido benzoico nei gamberi
  • Gamberi marciti
  • Salmonella nel salame toscanino

Davvero una collezione di alimenti pericolosi che ci rassicura considerando che sono solo le emergenze di un giorno. Nell’allegato Allerta alimentari vengono elencate le 56 emergenze del 12 luglio e poi in dettaglio le notizie relative a quelle sole che riguardano l’Italia con le contromisure già intraprese.

Tra le emergenze di ieri non ve ne è nessuna che riguarda OGM, ma invece ne troviamo una che riguarda delle concentrazioni fuorilegge di fumonisine in mais e farine di grano saraceno (è la notizia 34). Il valore eccessivo trovato è di ben 2432 μg/kg - ppb. Se si trattasse di mais pronto per il consumo umano saremmo ben 3 volte sopra la soglia massima consentita (800) per gli adulti. Purtroppo si tratterebbe di un prodotto italiano distribuito in Francia, Stati Uniti ed Australia, una pecca per il Made in Italy.
Non si capisce dalle informazioni disponibili se si tratta di mais grezzo o pronto per il consumo umano, ma il numero richiama alla mente quel 2450 μg/kg - ppb che trovate nell’articolo Monastra immuno su allergie e ogm.

Il dato potrebbe riacquistare una certa rilevanza se il Ministero decidesse di proporre l’adozione di una clausola di salvaguardia per impedire la coltivazione commerciale di piante OGM. Gli unici esperimenti prodotti in Italia e che quindi potrebbero essere usati come base scientifica per chiedere una moratoria furono condotti a Landriano nel 2005 e dai dati pubblicati emergeva un quasi dimezzamento delle fumonisine nel mais OGM rispetto a quello tradizionale. Il valore di quel mais “tradizionale” era appunto di 2450 ossia al livello che oggi potrebbe generare un allarme sanitario a livello europeo (se si trattasse di prodotto finito).

Ma questi sono solo numeri, ossia opinioni (per alcuni).

Nella categoria: News, OGM & Insicurezza alimentare, OGM & Salute

Le rubriche di Salmone

Luca Simonetti

Slow Food. Cattivo, sporco e sbagliato

Petrini aggiorna il suo manifesto, “Buono, pulito e giusto”. Qualche…