Quanti altri casi Moore, Lomborg e Lynas?

Agosto 27th, 2015
Post2PDF Versione PDF | No Comments

voila_capture2015-08-27_05-44-15_pmAlberto Guidorzi mette in fila le costosissime battaglie di Greenpeace per avversare gli Ogm. Battaglie in cui ha investito decine di milioni di dollari. Sarebbe bastata una frazione irrisoria di questi fondi per condurre un serio esperimento di tossicologia a lunghissimo termine con lo scopo di verificare la sicurezza sanitaria di un qualunque Ogm. Ma hanno preferito versare un fiume di denari in altre attività’ temendo di fallire in una simile prova tecnica. Non e’ un caso che i fuoriusciti dalla multinazionale ambientalista siano tutti dei pro-Ogm che hanno capito quanto sia importante avere prove scientificamente inoppugnabili.
Leggi le Contorsioni GrenPeace e solidali

Nella categoria: News, OGM & Ambiente, OGM & Argomenti contro, OGM & Coesistenza

Il mais Bt è di nuovo fiorito

Luglio 29th, 2015
Post2PDF Versione PDF | 38 Comments
1d0fSiamo oramai al quinto anno in cui fiorisce mais Bt in provincia di Udine e Pordenone. Quello di quest’anno e’ stato trinciato per farne prove sperimentali ed il polline usato per monitorare l’effetto su insetti non target: i bruchi di farfalle Inachis Io che si alimentano su ortiche tempestate di polline di mais tradizionale e Bt.
La ricerca continua nonostante le pseudo-leggi.
Ogm:Fidenato continua coltivazione,trinciato campo Colloredo
‘Procura Pordenone decreta distruzione Vivaro,ma non l’ho fatto’ (ANSA) - COLLOREDO DI MONTE ALBANO (UDINE), 28 LUG - “Il campo seminato a maisOgm a Colloredo di Monte Albano (Udine) è stato trinciato oggi per procedere alla seconda fase della sperimentazione e verificare l’incidenza degli organismi transgenici sul terreno”: lo ha annunciato all’ANSA il leader di Agricoltori Federati Giorgio Fidenato. “Si tratta quindi di una decisione autonoma per proseguire l’indagine scientifica che stiamo portando avanti - ha aggiunto - e non c’è alcun provvedimento della Procura di Udine che, contrariamente a quanto era avvenuto lo scorso anno, non ha chiesto la distruzione del raccolto, che è arrivato normalmente in piena fioritura. Diametralmente opposta la condotta della Procura di Pordenone - ha concluso Fidenato - che ha decretato la distruzione del podere di Vivaro, intimandomi di procedere entro la giornata di ieri. Da parte mia, non ho assolutamente adempiuto alla sollecitazione e ho chiesto alla Forestale di sospendere il provvedimento, in autotutela, ma mi aspetto che da un giorno all’altro arrivino i mezzi agricoli per procedere alla distruzione del mais Ogm“, ha concluso.
Nella categoria: News, OGM & Coesistenza, OGM & Cotone

I filippini piantano mais Bt

Marzo 4th, 2015
Post2PDF Versione PDF | No Comments

Sono arrivati ad oltre 800.000 ettari, ma sopratutto la taglia media del campo di mais Bt nelle Filippine e’ di solo 2 ettari ad agricoltore: possiamo provarci anche noi?

PH Continues to Expand Biotech Crop Adoption in 2014
Section: News from Around the World
With its Philippine launch of the annual report on the global status of commercialized biotech crops in 2014, the International Service for the Acquisition of Agri-biotech Applications (ISAAA) highlighted the continued expansion of biotech corn in the country.

The Media Conference on the Global Status of Commercialized Biotech/GM Crops in 2014, co-organized with the Southeast Asian Regional Center for Graduate Study and Research in Agriculture (SEARCA), was held on February 27, 2014 at InterContinental Manila Hotel, Makati City. According to the ISAAA report, around 415,000 small and resource-poor Filipino farmers planted an estimated 831,000 hectares of biotech corn in 2014, placing the country on the 12th spot of top countries growing biotech crops. The area increased from 2013’s 795,000 hectares of biotech yellow corn, the only biotech crop planted in the Philippines.

Speakers at the conference include ISAAA Chair of the Board Dr. Paul Teng; ISAAA Global Coordinator andSEAsiaCenter Director Dr. Randy Hautea; ISAAA Senior Program Officer Dr. Rhodora Aldemita; and Bukidnon farmer Mr. Edgar Talasan, who expressed his eagerness to plant an upcoming biotech crop, Bt eggplant. Department of Agriculture Assistant Secretary and Bureau of Plant Industry Director Atty. Paz Benavidez II and Academician Dr. Eufemio Rasco also gave messages of support for biotechnology and recognized the contribution of its products to food security. SEARCA Director Dr. Gil Saguiguit, Jr. emphasized support for science-based information and education on biotech in his welcome remarks.

2015-03-04-b49phil

Other updates on biotechnology in the Philippines and in Southeast Asia are posted at the SEARCA Biotechnology Information Center’s website. For questions or clarifications, send an e-mail tommav@searca.org or smm@searca.org.

Nella categoria: News, OGM & Mais, OGM & Mondo

I nuovi Padroni

Febbraio 9th, 2015
Post2PDF Versione PDF | 38 Comments

Articolo aggiornato dopo la pubblicazione iniziale il 10 Febbraio

Masini: ” coltivare gli Ogm inquina……noi oggi abbiamo le prove che le coltivazioni illegittima in FVG ha provocato un disastro ambientale perché nel territorio contermine, nei 1000 metri in cui le api hanno impollinato colture diverse, c’è stato il trasporto di polline geneticamente modificato quindi coltivare Ogm inquina”

Defez (nella seconda parte della trasmissione): “ho parlato con l’agricoltore friulano che ha coltivato il campo Ogm e Masini riceverà una diffida per quello che ha detto.”

Ascolta l’intera trasmissione Piazza in Blu:
Parte 1
Parte 2
Parte 3
Parte 4

http://espresso.repubblica.it/attualita/2015/01/29/news/contadino-e-milionario-1.196751?ref=HRBZ-1

le notizie si susseguono e vanno tutte nella stessa direzione: gli stipendi della dirigenza di Coldiretti sono stipendi da favola degli dei migliori cda delle multinazionali, solo che questa e’ a chilometri zero.
Sarebbe bello se insieme alla sicura smentita con minaccia di denuncia, questa volta arrivasse anche un documento originale da Coldiretti che facesse vedere quali sono secondo loro i veri emolumenti che vengono dati alla dirigenza.

La poca accortezza di Coldiretti ha avuto anche stamattina 29 gennaio una riprova durante la diretta da Radio in Blu, la radio della Conferenza Episcopale che ha parlato di Ogm e biologico: tra gli ospiti anche il Ministro Martina. Tra i presenti anche Stefano Masini che ha dichiarato categoricamente che lui aveva la prova della contaminazione degli Ogm in Friuli (Il podcast sara’ tra breve disponibile al sito: http://www.radioinblu.it/radioinblu/s2magazine/index1.jsp?idPagina=513). Poi una volta capito, non stava parlando da solo o senza contraddittorio, “la prova” è stata derubricata a “riporto solo le dichiarazioni del dott Petrone della Forestale”. Troppo facile diffamare prima e nascondersi poi. Al signor Masini sta per arrivare una diffida da Dalla Libera e Fidenato e vedremo se la prossima volta sarà capace di andare a leggere tutta l’informazione disponibile e non solo quella che gli fa comodo citare.

Nella categoria: News, OGM & Ambiente, OGM & Argomenti contro, OGM & Aspetti legali

Il TAR boccia il ricorso di Dalla Libera e Fidenato con motivazioni paradossali

Aprile 24th, 2014
Post2PDF Versione PDF | 33 Comments

delirio1
Leggi la sentenza.

La sentenza appena pubblicata non riguarda solo l’Italia ma vorrebbe sindacare sulla coltivazione di Mon 810 in tutta Europa con un evidente abuso di giurisdizione. Sembra scritta da chi vuole che l’Italia divenga terra di conquista da parte di chi può tranquillamente coltivare mais Bt fuori dall’Italia e poi legittimamente importarlo da noi come se i pretesi danni ambientali fatti in Spagna, Portogallo o Repubblica Ceca non fossero fatti in Europa.

Da meditare questo passaggio che ha davvero del paradossale: contro questo passaggio sarebbe assurdo se lo stesso MIPAF non presentasse ricorso.

III) nessuna discriminazione è dato riscontrare a danno delle imprese italiane che intendono coltivare e commercializzare il mais in questione rispetto alle imprese estere che possono esportare senza alcuna restrizione nel mercato italiano tale prodotto, in quanto queste ultime non coltivando il mais de quo nel territorio italiano non vengono a determinare i paventati rischi ambientali che hanno giustificato l’adozione del controverso decreto.

Nella categoria: News, OGM & Aspetti legali

Le rubriche di Salmone

Luca Simonetti

Slow Food. Cattivo, sporco e sbagliato

Petrini aggiorna il suo manifesto, “Buono, pulito e giusto”. Qualche…