Semi tricolori

Febbraio 3rd, 2015
Post2PDF Versione PDF | 29 Comments

coltivatore che semina

Articolo aggiornato il 6 febbraio, dopo la pubblicazione iniziale

critica_liberale-ogm

Pubblicata la richiesta di Franco Nulli per avere semi italiani per la sua azienda. Frutto della Ricerca Italiana. Non temiamo venga subissato di offerte, va aspettiamo volentieri di vedere le reazioni dei difensori del seme a chilometri zero.
Poi chi volesse può anche leggere l’uscita di oggi su Repubblica che aggiungo solo per descrivere un clima di rinnovato interesse anche per chi non la pensa pensa a centimetri zero.

Leggi La Repubblica e La Stampa

Nella categoria: News, OGM & Agricoltura italiana, OGM & Aspetti legali

Un ennesimo colpo al settore sementiero

Giugno 29th, 2010
Post2PDF Versione PDF | 1 Comment

La prima volta che ho scritto su questo sito, ho detto di essere un agronomo che opera nel settore sementiero e a tale scopo oggi sono qui a parlare (e mi scuso se potrà sembrare un discorso di parte) di un evento a dir poco scandaloso a cui stiamo assistendo.

Si è infatti deciso l’accorpamento dell’Ente Nazionale Sementi Elette ad un altro Ente (INRAN), in un’ottica di snellimento ma che appare più di “svilimento” di un settore importante come il comparto sementiero. Ritengo opportuno precisare però, prima di ogni commento cos’è l’ENSE e cosa ha prodotto in questi ultimi anni.

Tale Ente nacque nel lontano 1954 con lo scopo di certificare i prodotti sementieri, in tal senso la parola “certificazione” aveva un valore più ampio, poiché lo scopo era di puntare ad un riordino del settore puntando ad una maggior qualità nella produzione sementiera nazionale.

In seguito poi con l’obbligo dell’uso di sementi certificate, tale Ente acquisì sempre maggior importanza poiché il compito di sorveglianza assunto, determinò un maggior controllo delle ditte sementiere che mantenevano in purezza e diffondevano nuove varietà di cereali e non solo.

Ora però a quanto pare, la scomparsa dell’obbligo di usare sementi certificate e l’esigenza di tagliare i cosidetti ENTI INUTILI, ha determinato quella che definirei una vera caccia alle streghe che ha coinvolto anche Enti quali l’ENSE appunto, che hanno un buon motivo per continuare ad operare sul territorio, specialmente se si vuol puntare a ciò che si definisce qualità.

Da figlio di agricoltore rammento i tempi in cui, mio padre al tempo della trebbiatura conservava parte del seme raccolto per poterlo poi “svecciare”ossia ripulirlo e riseminarlo nuovamente l’anno seguente. Allora girare per le campagne significava vedere campi di frumento difformi con un livello di inquinamento varietale inverosimile, poiché l’agricoltore, con il lavoro di svecciatura non era in grado di eliminare piante fuori tipo o di altre specie che potevano esser presenti.

In seguito però, con l’avvento dell’obbligo di utilizzare sementi certificate tutto cambiò, non essendo possibile usare seme autoprodotto e grazie anche all’opera di sorveglianza dell’ENSE si sono raggiunti livelli eccellenti, con varietà uniformi e con caratteristiche qualitative e produttive superiori.
A costo di risultare ripetitivo voglio concludere dicendo che un plauso a quanto in questi anni è stato fatto, va anche all’ENSE, poiché il lavoro di sorveglianza e di controllo, ha contribuito al miglioramento della coltivazione di numerose specie erbacee.

Se l’art.68 aveva dato un forte colpo alla qualità, costringendo molte ditte sementiere a ridimensionare la propria produzione di seme, ora un simile atto determinerà un ulteriore smacco a chi si è sempre battuto per ottenere un prodotto di qualità. Mi auguro che questa “fusione” non porti ad uno snaturamento dell’ENSE che in un momento così importante in cui sempre più si discute di colture OGM e della loro auspicabile introduzione, l’ENSE in mancanza di Enti accreditati potrebbe essere l’unico Organismo di Controllo capace di svolgere quel compito di sorveglianza che dette colture necessitano.

Nella categoria: Fernando Di Chio, OGM & Agricoltura italiana

Le rubriche di Salmone

Luca Simonetti

Slow Food. Cattivo, sporco e sbagliato

Petrini aggiorna il suo manifesto, “Buono, pulito e giusto”. Qualche…