Futuragra pubblica i suoi sondaggi

Novembre 27th, 2012
Post2PDF Versione PDF | 8 Comments

Confesso di non aver ancora visto i dati del rapporto sugli OGM, ma credo sia utile vedere cosa emerge da un sondaggio commissionato da mani diverse dalle solite: ecco il comunicato stampa di oggi.

duilio campagnolosilvano dalla libera

OGM: il 55% degli italiani chiede di riprendere la ricerca.
Possibilisti sull’acquisto di alimenti biotech il 52%

I risultati della ricerca ISPO per Futuragra

Roma, 27 novembre 2012 – Per il 55% degli italiani è utile continuare a fare ricerca scientifica sugli OGM e il 52% appare possibilista rispetto all’acquisto futuro di prodotti biotech. Sono alcuni dei dati che emergono dalla ricerca ISPO per Futuragra, l’associazione di agricoltori che si batte per l’introduzione delle biotecnologie in Italia. Informazione, ricerca scientifica e propensione all’acquisto sono i temi del sondaggio presentato oggi a Roma dal Prof. Renato Mannheimer (ISPO Ricerche) e Silvano Dalla Libera (Vicepresidente di Futuragra).

All’evento presso l’Hotel Bernini di Roma sono intervenuti il Sen. Giancarlo Galan, già Presidente della Regione Veneto, Ministro delle Politiche agricole e Ministro per i beni culturali, Gianni Betto, Direttore Centro d’Ascolto dell’Informazione Radiotelevisiva sui dati dell’informazione radiotelevisiva in tema di OGM ai cittadini, l’On. Maria Antonietta Farina Coscioni, Deputata radicale e segretario della Xll Commissione Affari Sociali Camera e il Prof. Aristide Police, ordinario diritto amministrativo Università di Roma Tor Vergata sui nuovi scenari per l’agricoltura italiana dopo la sentenza della Corte di giustizia europea.

Favorevoli alla ricerca scientifica sugli OGM e possibilisti sull’acquisto

Il 55% degli italiani ritiene che sia utile continuare a fare ricerca scientifica sugli OGM e solo il 17% non è d’accordo. Il 62% pensa che gli scienziati italiani abbiano diritto di fare ricerca alle stesse condizioni dei colleghi degli altri Paesi. Il 49% non è d’accordo sul fatto che l’Italia abbia interrotto la sperimentazione. Tra i più forti  sostenitori della ricerca scientifica i laureati e i 35-44enni.

Il 52% degli italiani prenderebbe in considerazione la possibilità di acquistare prodotti alimentari OGM a determinate condizioni. Il primo driver di scelta (48%) riguarda i possibili benefici per la salute seguiti dalla loro maggiore sostenibilità ambientale (37%) e da un prezzo più contenuto rispetto a un prodotto equivalente (per il 27% del campione). Coloro i quali non acquisterebbero OGM a nessuna condizione rappresentano un quarto della popolazione.

“La ricerca mette a nudo il deficit di conoscenza sul tema degli OGM presso l’opinione pubblica italiana, al centro di messaggi spesso ideologizzati e bersagliata da dibattiti in cui le ragioni della scienza sono poco rappresentate, ha commentato ilProf. Mannheimer. Non deve dunque sorprendere se in un contesto di questo tipo la richiesta sia proprio quella di ridare la parola alla scienza e alla ricerca. La propensione all’acquisto espressa da più della metà della popolazione è un segno di grande maturità dei consumatori che manifestano meno pregiudizi di quanto fino ad oggi si sia voluto far credere. Questi dati aprono uno scenario nuovo nel dibattito e dimostrano un’apertura che non potrà essere ignorata in futuro”.

Attenzione per gli agricoltori

La maggioranza della popolazione (52%) è concorde con il fatto che se la legge permette di vendere OGM allora dovrebbe anche consentirne la coltivazione. Allo stesso tempo gli italiani si dimostrano sensibili al deficit di competitività dei coltivatori italiani. Per il 56% non è giusto che gli agricoltori stranieri possano produrre e poi vendere in Italia prodotti OGM se agli agricoltori italiani è impedito di coltivare mentre solo il 7% ritiene che questa situazione non ponga un problema di competitività. “Queste risposte sono quelle che ci danno più fiducia per il futuro, prosegue Dalla Libera. Al di là del dibattito sbilanciato su questo tema, gli italiani percepiscono l’agricoltura come un settore produttivo primario”.

“Abbiamo cercato di capire quale fosse l’origine di tanto scetticismo verso gli OGM, ha dichiarato Silvano Dalla Libera, Vicepresidente di Futuragra. Questa ricerca dimostra con grande chiarezza che se da un lato siamo di fronte a un fortissimo deficit di informazione dovuto a un dibattito squilibrato, dall’altro esiste una forte domanda di conoscenza che non può rimanere insoddisfattaL’Italia deve riprendere la sperimentazione e deve applicare le direttive comunitarie che consentono già oggi di coltivare sementi biotecnologiche nel nostro Paese”.

Informazioni sul sondaggio

Sondaggio ISPO Ricerche srl/3G Deal & Research srl per Futuragra. - Campione rappresentativo popolazione italiana maggiorenne  - Estensione territoriale: nazionale  - Casi: 800 - Metodo: CATI  - Rifiuti/sostituzioni: 1.077  - Date di rilevazione: 7-8 novembre 2012 - Margine di approssimazione:3,5%

Per informazioni:

Ufficio stampa Futuragra: 02 4351 1671

ISPO Ricerche: Dott.ssa Claudia Brunelli, 02 4800 4104

www.futuragra.it |Facebook: www.facebook.com/Futuragra |Twitter: www.twitter.com/Futuragra

Nella categoria: News, OGM & Media

Le rubriche di Salmone

Luca Simonetti

Slow Food. Cattivo, sporco e sbagliato

Petrini aggiorna il suo manifesto, “Buono, pulito e giusto”. Qualche…