Trova le differenze (da quello che invece è vero)

21 Set 2015
Post2PDF Versione PDF

Sette del Corriere pubblica un articolo su un reportage pagato da COOP, una azienda privata che fattura in Italia più di quanto Monsanto fatturi nel mondo. Grazie ai soldi di una azienda miliardaria, un reporter francofono mette in fila una serie di dati: facciamo una prova tra noi e vediamo quante sono le fesserie raccontate in questo video su commissione.

articolo

9 commenti al post: “Trova le differenze (da quello che invece è vero)”

  1. franco nulliNo Gravatar scrive:

    Salmone! Mettici il video online e ci divertiamo…

  2. Roberto DefezNo Gravatar scrive:

    non ho il video integrale, ma gia’ questo dialogo tra il reporter che risponde a Monsanto e’ piu’ che sufficiente

    http://www.pltv.fr/fr/les-attaques-de-monsanto-contre-le-documentaire-de-paul-moreira-2/

  3. Roberto DefezNo Gravatar scrive:

    anche questo video sempre in francese parte dalle stesse tesi mescolando i volti di bambini malati, senza capire di cosa e perche’, Seralini e il TTIP chiamato TAFTA

    http://www.dailymotion.com/video/x2mn4d4

  4. GUIDORZI ALBERTONo Gravatar scrive:

    Perchè la soia convenzionale non si diserba? Ammesso e non concesso che vi sia, non vi è nessun effetto cocktail tra il Thifensulfuron-metile contenuto in Harmony, l’imidazolinone del Tuareg, il Bentazone contenuto nel Rigron ecc. ecc.Eppure questo è uno dei modi di diserbare la soia in postemergenza (una o anche due volte)praticata sui 250.000 ettari coltivati in Italia di soia non OGM.

    Forse che vi è qualcuno che semina soia senza eseguire nessun diserbo?

  5. TC1507No Gravatar scrive:

    Evidentemente sono convinti che la soia convenzionale non si diserbi. Da qui il mito che gli Ogm richiedono un ampio uso di diserbanti.
    E poi non lo sapete? Il Thifensulfuron-metile, l’imidazolinone, il bentazone ecc. vengono prodotti dai frati francescani in convento.

  6. roberto defezNo Gravatar scrive:

    Vi do’ un aiutino, andate a vedere il link che descrive le patologie gravi denunciate nel video:

    Vous le savez, les villages agricoles argentins qui bordent les champs de cultures transgéniques sont victimes de pathologies graves. Se peut-il que ces fameuses combinaisons de produits chimiques soient à l’origine de ces pathologies ? Devant une telle épidémie, n’est-il pas de votre devoir d’étudier la question ?

    Cette augmentation des pathologies a été repérée par plusieurs structures médicales. (http://www.gmwatch.eu/files/Chaco_Government_Report_English.pdf).

  7. GUIDORZI ALBERTONo Gravatar scrive:

    Certo che dessero anche a me tutti i soldi che hanno ricevuto in pubblicità sarei capace di propinare un reportage ben più negativo verso gli OGM.

  8. GUIDORZI ALBERTONo Gravatar scrive:

    Mai sentito parlare che si usi il gliphosato sul riso ma nel 1998 non credo proprio che vi fossero piante resistenti al gliphosato coltivate in Argentina

    Sono 30 anni che in Europa si usa il gliphosate e nessuna correlazione è stata nemmeno ipotizzata per i trattamenti in agricoltura e in luoghi pubblici debitamente autorizzati dalla autorità. Una correlazione vi è invece tra micotossine - acido folico insufficiente e malformazioni.

    Mai sentito che si possa mescolare al gliphosate che non funziona su una coltivazione resistente del 2-4D o dell’Atrazina.

    I coktails di erbicidi si fanno in Europa da mezzo secolo e sempre più complicati e non c’entrano nulla con gli OGM, anzi gli OGM evitano i coktails di più erbicidi.

    Chiedono ad un non medico se vi è relazione tra cancro e gliphosate.

    La disinformatio non è finita con l’URSS, ma continua con i suoi orfani.

  9. Giorgio FidenatoNo Gravatar scrive:

    Disinformatia!!!

Lascia un tuo commento

Per allegare una vostra immagine a fianco ai commenti registrarsi al sito Gravatar. Quando inserite la mail in fase di commento, bisogna usare la stessa mail che avete usato per registravi al Gravatar

Nella categoria: News, OGM & Media, OGM & Politica

Le rubriche di Salmone

Luca Simonetti

Slow Food. Cattivo, sporco e sbagliato

Petrini aggiorna il suo manifesto, “Buono, pulito e giusto”. Qualche…